Cerca nel blog

Post in evidenza

giovedì 8 novembre 2012

Fenomenologia della realtà applicata a 007


Se tra trent’anni facessero una retrospettiva sui film di James Bond, usando il film come specchio della realtà, il mondo dipinto nel 2012 sarebbe: povero, puritano, maschilista, con i soliti pregiudizi, ma elegante. Ah sì, signora mia.

Povero
In tempi di crisi, si sa, si stringe la cinghia. E quindi le location sono quelle che sono: una Istanbul ripresa dall’alto, una Macao girata in piscina e Londra. Poi Londra sotterranea e Londra sui tetti. L'ho detto Londra?

Tagli anche agli stuntman: una sola scena di inseguimento, sapientemente piazzata all’inizio, perché si sa che l’attenzione di un uomo dura quei dieci minuti al massimo. 

- Off topic: questa è la fase del film dove si sente fortemente la differenza tra uomini e donne: le donne guardano i colori del suk, l’architettura, e, se sono attente, notano il Chroma-Key. Gli uomini guardano la scena con le mani strette come se impugnassero le manopole della moto e credendo fortemente che si possa fare moto-cross sui tetti di un suk. Sissì. –

Tagli ai gadget (non ce se sono) e alle auto: l'unica notevole è una Aston Martin d'epoca che viene debitamente sforacchiata ed esplosa. Per il resto c'è solo la metropolitana. Son tempi duri.

Maschilista e Puritano
Esigo che nessuna attrice del film si fregi del titolo di Bond Girl, perché le due strappagnone di turno hanno un ruolo meno che marginale. Una gli spara, garantendosi una fulminea carriera al MI6 e diventando segretaria a vita, e l’altra gli parla per un quarto d’ora con le sue labbra color Berry (che poi è Burgundy, che poi è Bordeaux, citando me stessa medesima) inguainata in un abito che riassumerei a “Minnie”, figa in un modo assurdo.
Berenice Marlohe alias Chi?

Nessuno ricorderà mai cos’ha detto veramente, perché il messaggio che passa, intendibile da uomini e donne, cani e bambini è: “SCOPAMISCOPAMISCOPAMI”. Infatti James coglie il messaggio e se la ripassa ben bene.
Anzi, possiamo solo immaginare che se la ripassi ben bene, perché la scena è esattamente quella che viene bruciata nel trailer.
Lui entra nella doccia. Fine.
Niente sesso (visto), siamo inglesi. 

I soliti pregiudizi
Gli africani/musulmani/quelli lì insomma sono cattivi. Ci sono inglesi cattivi, ma sono sempre meglio degli altri.

Elegante
Poveri e ignoranti sì, ma belli. E ben vestiti. In tutto il film Jimmy indossa 4 outfit, di cui due completi notevoli, firmati Tom Ford. Verso la fine lo troviamo in versione casual-chic con dei pantaloni aderenti da fare invidia ai nuovi Wr.Up della Freddy. Ok, ammettiamo che su un fisico così anche le tende della nonna starebbero bene.

L'alternativa è il nuovo nerd: smilzo ma fashion, con il cardigan color ruggine, il pantalone aderente e gli occhiali dalla montatura importante. Un personaggio che assomiglia in modo imbarazzante a quello di un telefilm, Criminal Minds.
 
Tutto qui.

Ah, volevate sapere della trama?
Beh, James Bond pim pum pam a Istanbul con un cattivone. La collega che lo segue per caso gli spara e tutti lo credono morto. Ma siccome siamo al minuto 10 del film, lo sanno tutti che non è vero. Segue sigla by Adele (la parte migliore del film).
In realtà lui ha deciso di prendersi una pausa di salute e passa la vita a SBAM, sbattere delle gnocche al muro e ad alcolizzarsi nel peggior bar della Caracas del Medio Oriente.
Sarà anche il peggior bar di Caracas, ma l’internèt non manca e nemmeno il video connesso alla CNN, quindi, dopo avere ingollato un gallone di rum, Jamie scopre che c’è stato un attentato bombarolo al MI6, in particolare alla cadrèga di M, quindi decide di rifarsi vivo.
La dieta alcolica che ha seguito negli ultimi mesi non lo rende esattamente performante in un test di Cooper, ma lo mandano lo stesso sul campo, altrimenti il film finiva qui. Con la sua innata arguzia riesce a scoprire chi è il cattivone dell’inizio del film e per chi lavora. Qui entriamo nella commedia dell’assurdo. Il cattivone è Havier Bardem vestito come Fred del cartone animato Scooby Doo (si ringrazia CartoonNetwork per la verifica) e con la peggiore tinta per capelli del mondo dopo Britney Spears.
Non sommergetemi di e-mail per sapere quale sfumatura di biondo (Big Babol classica-ma-masticata, direi)  ha e di che marca sia la tinta, perché lui la ottiene ingerendo una dose di veleno che dovrebbe ucciderlo, e invece gli fa i capelli della stessa sfumatura della faccia. NON FATELO A CASA.
Da qui in poi pim pum pam, bang, bum e alla fine, insomma, così.

Consiglio spassionato: se siete costretti a prendere la metro frequentemente, riflettete seriamente se sia il caso di vedere il film. Io vi ho avvisato.

20 commenti:

  1. Come critico cinematografico sei una mezza pippa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come critica cinematografica sei un mito intero.

      Elimina
  2. Noto una seria analisi della trama del film. Decido così, su due piedi di non scaricarlo nemmeno!
    Ma dai la bond girl è un'istituzione, come me l'hanno levata per le strappone?! Sempre così, dannazione!

    RispondiElimina
  3. Non concordo molto su questa 'recensione'. Non mi è sembrato povero, anzi, l'ho trovato più sofisticato e filologico di altri. Non mi dilungo molto perché ho un post in cantiere. Comunque non è che le Bond Girl avessero chissà che ruoli in precedenza (salvo la mia amatissima Vesper!).

    RispondiElimina
  4. Finalmente qualcuno che vede i film di 007 come li vedo io! Penso che di più maschilista di questi film ci sono solo le veline. Raramente hanno un contenuto oltre lo SPARASPARABAMBUM, le donne sono oggetti-Barbie paragonabili solo alle macchine "fighe". In più, se non sei un appassionato di macchine "fighe" è dura rimanere sveglio guardando uno di questi film. Tant'è che una delle cose che ho in comune con il mio fidanzato è che entrambi ci siamo addormentati guardando un film 007.

    Peró la canzone di Adele è bellissima.

    RispondiElimina
  5. L'ho visto ieri sera e volevo tentare il suicidio per tutta la durata del film...... Terribile!

    RispondiElimina
  6. ma la cosa veramente importante è: come si chiama quel rossetto berry/burgundy/bordeaux? Lo voglio!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i soli mezzi a mia disposizone (Google) non sono riuscita a saperlo... dovrebbero fare, magari esiste, un sito come quelli che raccolgono i crediti delle aziende di moda (chi ha vestito chi e quando)!

      Unico consiglio: Make Up For Ever ha appena fatto una newsletter tutta dedicata al Berry in cui suggerisce:
      Rouge Artist Natural nuance 50
      Rouge Artist Intense nuance 48
      Matita Aqua Lip nuance 9, 10 e 12

      La mia preferita è la matita, io la uso da sola per avere un effetto ultra asciutto (nel bene e nel male).

      http://www.sephora.it/Make-Up-For-Ever/BMAKE/SC344

      Elimina
    2. ah sapevo che non mi avresti delusa! Devo dire che la Rouge Artist Intense 48 è quella che secondo me ci si avvicina di più. Ma quindi tu con la matita sola ottieni un effetto matte? E quanto dura? Voglio anche io ricevere newsletter figose

      Elimina
    3. Baby, basta iscriversi sul sito (versione americana più fffaiga)www.makeupforeverusa.com.

      La matita qui sopra è abbastanza resistente (fino a pranzo e oltre), io poi aggiungo una base che trovi qui:

      http://www.vitadastronza.com/2012/05/prove-di-resistenza-il-trucco-ai.html

      Il lato negativo è che la sola matita secca molto le labbra (da qui l'effetto mat) e la distribuzione non è sempre uniforme come con un rossetto, devi fare attenzione a ripassare bene.

      Elimina
    4. intanto ti informo che ho trovato altri due candidati: rouge allure velvet 41 e rouge coco 21 rivoli

      Elimina
  7. ....filologico?
    un film di James Bond è stato VERAMENTE definito FILOLOGICO??

    OggiMordo, tu non mi deludi mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'ho definito filologico ed ovviamente mi riferivo allo studio che c'è stato dietro a questo episodio per ricostruire tutte le varie citazioni ai precedenti che sicuramente avrai notato se lo hai visto.

      Elimina
  8. Secondo me la vera Bond girl di questo film è M! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, Cristina non può certo essere tacciato di maschilismo se il vero motore immobile dell'azione è M, che incarna quanto mai nessuna ha fatto la donna di potere.

      Elimina
  9. Ti stimo sorella. La parte migliore del film è la canzone di Adele. Però cazzo se è figo il Craig.

    RispondiElimina
  10. google immagini mi ha levato gli occhi...javier mio, che t'hanno fattooo!!!!! sigh sob...

    [peggio per loro: l'avrei guardato solo per Lui....gnagnagnagnagna!]

    RispondiElimina
  11. uhm, non ho mai visto un film di James Bond in vita mia, quindi non ho un'idea precisa del maschilismo del personaggio, però considerato che generalmente piace agli uomini anche per via del modo in cui tratta le donne (ci sono pure le classifiche degli schiaffoni che Bond da alle donne su youtube...) penso che continuerò a tenermi allegramente alla larga dalla saga...

    RispondiElimina
  12. ahahahahaha concordo
    e a me il film è anche piaciuto ;)

    RispondiElimina
  13. Arrivo tardi ma anche io volevo dire la mia: mi sono fatta tutti i James Bond (i film ovviamente!!) ad ottobre grazie al canale sky dedicato... ma gli ultimi quelli con Craig sono veramente inguardabili... hanno distrutto l'essenza del vero James!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...