Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 25 marzo 2016

Come scegliere un fondotinta

1. Entrate nella vostra profumeria di fiducia (nel mio caso un Sephora di provincia).
Dopo avere accumulato in un cestello abbastanza articoli per dimostrare che non siete lì per pettinare le bambole, iniziate una conversazione amichevole con una commessaassistente alle vendita.

2. Quando avete stabilito un buon livello di empatia, accennate al fatto che siete in un momento critico della vostra vita: avete voglia di valutare nuove opzioni per il fondotinta. Nel corso della conversazione buttare qua e là parole a caso, "primer", "base", "mat" e "illuminante", per far capire che ne sapete e non vi si può fregare facilmente.



3. Se la vostra nuova amica è onesta (avendo già appurato che nel vostro cestello c'è un importo sufficiente per farle fare il budget di una intera settimana) sarà disposta a farvi provare il mondo. Definite bene le vostre esigenze. Nel mio caso: coprenza media, no transfer, non troppo cremoso, no transfer, no compatto e l'ho gia detto no transfer?

4. Accomodatevi allo sgabello della postazione trucco e lasciare che l'assistente vi strucchi e poi inizi a spennellarvi con due prodotti, immaginandovi l'effetto Two Face alla fine. Godetevi ogni minuto dello spennellamento, perché, almeno nel mio caso, non succede così spesso che qualcuno lo faccia per me. Ascoltate la reazione della vostra pelle al contatto con il fondotinta, sentite la cremosità, il calore e la "scivolezza" (Accademia della Crusca, perdonami, se puoi).

5. Alla fine dell'opera controllate l'effetto e valutate se avete davvero la faccia di Two Face. Se la risposta è no, diciamo che siete indecise e che decidete di non acquistare immediatamente, per cui pagate il piccolo Tesssòro che c'è nel cestello e uscite.

Da qui inizia la vera prova.

sabato 13 febbraio 2016

Su le luci

L'ultima serata di Sanremo sta scorrendo in sottofondo, ma per me c'è già un vincitore: l'illuminante.
Che cos' è l'illuminante? Spiegazione per gli uomini: un cosmetico che serve a creare dei punti di luce sul visto. Trucchi? Sì, di questo sto parlando, che altro sennò?

Non è una novità, ma mai come in una occasione dove ci sono tante donne messe giù da grande evento è evidente che questo prodotto ormai è entrato nei beauty case anche delle casalinghe.
Perché? Perché non tutte abbiamo un parco luci come quello di Barbara d'Urso che ci fanno sembrare la Madonna di Medjugorje la domenica pomeriggio, e quindi ci arrangiamo.

Dolcenera, con una linea diagonale dallo zigomo verso in naso.

Come si usa l'illuminante? Prima di tutto con moderazione, come l'alcol. Il rischio altrimenti è quello di sembrare appena usciti dagli anni '80, e al primo raggio di luce che si posa sulla faccia, di illuminarsi come una lampadina. Non usate l'illuminante come se fosse una cipria.


martedì 22 settembre 2015

Noi non ci capiamo: matrimionio edit

Da circa 6 anni a questa parte, ogni anno intorno ad aprile inizia la maratona dei matrimoni. Amici, parenti, ex compagni di scuola, università, asilo... si sposano tutti. Anche dopo 20 anni di convivenza, dopo 3 figli e 2 cani, quando ormai pensi di essere al sicuro, ti invitano a cena e zac! Scatta l'annuncio.

Io sono sempre felice di partecipare a un matrimonio, ma ormai la gioia è offuscata dalla nuvola che si profila all'orizzonte. Lo so che arriverà, la sento da lontano. Ormai è una costante.

Tra le cause di divorzio, se mai io e il Cavaliere Impavido ci sposeremo, dovrò inserirla nel contratto prematrimoniale. Perché è certo che divorzieremo per questo.

venerdì 5 giugno 2015

La sorella della sposa

Ebbene sì, mia sorella si sposa. 
Ci ho messo un po' a riprendermi dalla notizia. 
Non tanto perché non me lo aspettassi, quanto perché questo doveva essere il MIO anno. Ma d'altronde, non avendo organizzato niente per tempo, non posso recriminare nulla. Infatti non l'ho detto a nessuno che ci sono rimasta di emme, tranne a un amico che sono sicura non lo dirà mai alla diretta interessata. (Qui parte il flash forward del mio matrimonio in un futuro ipotetico in cui Tobia si alza in mezzo a tutti, ubriaco come un babà al rum, e mi sputtana).  
E che nessuno si azzardi a dire "Ma perché non te ne freghi e ti sposi lo stesso quest'anno?". Perché no. La mia famiglia sta già facendo grossi sforzi, non posso caricarli di un altro evento del genere. L'ho già detto che anche un cugino si sposa? No? Anche mio cugino si sposa, un mese esatto dopo. Quindi argomento chiuso.
Tralasciando l'aspetto doloroso, concentriamoci solo sul divertimento: io sono la sorella della sposa, quella che può avere il vestito più bello dopo la meringa reale.

giovedì 23 aprile 2015

#ioleggoperché

Ho letto un libro.
Sai che novità.

L'ho sempre fatto, fin da piccola, la mia nonna diceva che avevo preso questa passione dal nonno che non ho conosciuto. Certo, essere una pendolare aiuta ad avere tempo da impegnare utilmente. Anche se con l'andar del tempo, devo ammettere che la vecchiaia mi porta a cadere in coma dopo poche pagine e dormire come un orso marsicano svenuto anche in treno.

Non sono una lettrice esigente, di solito entro in biblioteca, il mio sancta sanctorum, e scelgo libri con metodo scientifico: ad cazzum. Leggo il titolo, scorro le poche righe sulla back cover e se mi prende, me lo porto a casa. Qualche volta mi ricordo che ho una lista di appunti presi nel tempo e allora la consulto. Ho letto talmente tanto che, nella mia biblioteca, godo di uno status speciale "vip": posso prendere tutti i libri che voglio, in barba al numero massimo, e riportarli quando voglio, anche oltre i 30 giorni ufficiali. Gente, sono una importante!

Non mi sono ancora convertita all'e-book o al tablet per pigrizia, o forse per snobismo, ma anche per mantenere la mia sanità mentale. Se un libro mi prende, sono capace di andare avanti tutta la notte finché non l'ho finito. E siccome sono serie-dipendente, se capito su una storia seriale, potrei andare avanti all'infinito semplicemente con un click. Questa cosa mi spaventa non poco.

Ovviamente, visto che più che leggere, i libri li divoro, dopo ventiquattr'ore non ricordo nemmeno metà della trama, così mi capita di rileggere libri e accorgermi alla fine che li avevo già letti. (Applausi). Certe volte appena finito il libro torno indietro a rileggere le parti che mi sono piaciute di più, per riprovare la stessa emozione.

Non sono una lettrice sofisticata, il mio range va da Patricia Cornwell a Voltaire senza problemi. Negli ultimi anni ho maturato una insana passione per i racconti sull'alpinismo in particolare per gli scritti di Walter Bonatti, tanto da definirmi una alpinista da divano: sono credente non praticante. Oggi nell'angolo griglia di partenza, in attesa di essere divorati:

lunedì 20 aprile 2015

Sì, vi serve

È un po' che non parlo di cosmetica e affini, ma, se mi conoscete, non potete pensare che io abbia smesso di consumare compulsivamente nè di testare. Per cui condivido con voi cose che sicuramente poi vi serviranno, ne sono sicura.

martedì 24 marzo 2015

Informazione di servizio

So che sono latitante in questo periodo, come avete visto sto facendo le pulizie di primavera e ritinteggiando il blog.
Se vedete cose fuori posto momentane è perché sto facendo tutto per tentativi dopo le 22 quindi perdonatemi, ma ho un'autonomia cerebrale limitata.

Per farmi perdonare l'assenza ho creato una nuova rubrica. Si chiama "Beauty Shopping" e, come potete intuire dal titolo, parla di gattiny.
Ok, battuta pessima.

Parla di affari che si possono fare, soprattutto on line, e di quando bisogna fare attenzione alle presunte offerte.

È da tempo che volevo farlo, visto che ogni giorno lo faccio per me stessa, poi mi alzo in piedi in ufficio e come i banditori  del medioevo, annuncio alle mie colleghe le offerte del giorno. Inevitabilmente, due giorni dopo, una di loro mi dice "Perché non me l'avevi detto?"
MA IO VE L'AVEVO DETTO!
Ecco.
Ora l'ho anche scritto.

Cercherò di aggiornarla tutti i giorni o tutte le volte che si presenta una occasione interessante, se avete suggerimenti da condividere, siete le benvenute.

La trovate in alto tra le tab.

Buono shopping!


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...