Cerca nel blog

Post in evidenza

martedì 5 novembre 2013

Io ti convivo

Ci siamo, questa volta ci siamo.
La casa è pronta.
La casa che abbiamo costruito, impiegandoci tre anni della nostra vita -due di troppo secondo me- è pronta.
Villa Speranza mi aspetta: la cucina piena, le tende tirate, il pavimento pulito e il letto rifatto.

Visto che non ci sarà un rito ufficiale a sancire il passaggio, trovo giusto "santificare" il momento con delle promesse tutte mie.

Quindi, o mio Cavaliere Impavido, ecco cosa mi impegno a fare.

Prometto solennemente che mi impegnerò con tutta me stessa a non diventare come TUA madre.
Mia suocera è una donna con mille pregi: lavora da quarant'anni, in una azienda che produce cioccolato e deve resistere a questa tentazione tutti i giorni; è generosa; mi vuole bene e farebbe qualsiasi cosa per i suoi figli. Ha però un paio di difettucci: è ipocondriaca, testarda al limite dell'ossessivo e non riesce a scindere la sua vita da quella dei suoi figli. Anche io sono testarda, lo sai, ok molto testarda, ma sono anche portata per natura a cercare di avere meno rotture di maroni possibili attorno a me, quindi se devo chiudere un occhio per quieto vivere, posso farlo. Cercherò di farlo per te. E sono fermamente intenzionata a spedire i nostri figli in una scuola all'estero non appena legalmente possibile, in modo da non ritrovarceli ancora tra i piedi a trent'anni, come me e te. Sei d'accordo? E allora inizia a fare gli straordinari perché per questa parte del piano ci vogliono un sacco di soldi.

Prometto che cercherò di non diventare come mia madre.
Per questa promessa mi impegnerò un po' di meno, perché sono già un po' come mia madre. A mia madre piace viaggiare, uscire, stare in mezzo alla gente. Della casa non gliene frega nulla (peccato che sia casalinga), ma è la donna meno pigra che io conosca. E' stata rappresentante di classe in ogni scuola che io e mia sorella abbiamo frequentato, è stata consigliere comunale, è volontaria nel gruppo missionario del paese, ha accudito mia nonna prima e mio nonno poi durante la malattia per anni, è iscritta ad almeno 4 associazioni di volontariato, segue la contabilità per mio padre e chi più ne ha più ne metta. Qualche volta si dimentica della cena, i nostri pavimenti non sono i più puliti del paese e di recente si è convertita alla non-stiro-niente religione, ma ognuno ha le sue priorità.

Accetterò di buon grado il fatto che i veri abitanti della nostra casa sono gli insetti e i ragni.
In una casa con il giardino, circondata per tre quarti da campi e boschi, non mi aspetto niente di diverso. Quindi niente scene isteriche alla vista di un ragno, finché non si avvicina alla mia biancheria intima.
Sappi però che i nidi di vespe non mi fanno dormire la notte e, se ci fosse un'altra invasione di cimici, dovrai separarmi con la forza dal mio lanciafiamme personale. Sarebbe carino se me ne regalassi uno per Natale, non credi?

Per quanto io possa essere stanca, ti prometto che impegnerò a  non indossare abiti da casa indecenti e ad addormentarmi in ogni angolo della casa dopo le 9. Tu, però, cerca di tenermi lontano dal divano, altrimenti è una battaglia persa.

Prometto di non assumere durante il sonno la mia famosa posizione a uomo di Leonardo, per la quale mi hai aprostrofato più di una volta: "Non capisco come un essere piccolo come te possa occupare tutto il letto, è fisicamente inspiegabile."



Lavorerò con tutta la caparbia che ho in corpo per farti desistere dall'affermare "Ma a casa mia non si fa così" ogni volta che propongo qualcosa di diverso dalle tue abitudini. Casa nuova, vita nuova, abitudini nuove, le nostre. Perciò, se voglio girare il sugo in senso antiorario, se voglio pulire i vetri con acqua e aceto e non con una porcata chimica, se voglio usare il Bimby per fare il ragù, lo faccio. Punto.

Io convivo te, Cavaliere Impavido,
nella gioia e nel dolore,
in salute e in malattia (sono previste eccezioni, perché sei veramente pesante quando sei ammalato),
in ricchezza (sarebbe auspicabile) e in povertà,
per tutti i giorni della mia vita.

Lo voglio.






Ci aggiorniamo dopo la prima settimana, se non vedete nuovi post entro un paio di settimane, qualcosa è andato storto.


26 commenti:

  1. in bocca al lupo! E' certamente un bel momento!

    RispondiElimina
  2. Questi propositi mi piacciono molto!
    Buona convivenza!
    Attendiamo niuz ;-)

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Prepara le pattine e metti su il te.

      Elimina
    2. il tuo humor è super intelligente e mi fa ridere un sacco. guarda direi che ti potrei paragonare (anche se tu sei a un livello inferiore logicamente) a Scrubs. e questo è un complimentone e lo sai!

      Elimina
  4. In bocca al lupo!
    Mi hai fatta ridere tantissimo :)

    RispondiElimina
  5. sì ma la cosa fondamentale prima di convivere è: avete deciso chi/come/ogni quanto pulisce il bagno!?
    BEWARE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I bagni (2) sono materia mia, per una antica tradizione della mia famiglia. Pulizie di fino la domenica mattina.
      Però lui cucina...

      Elimina
  6. Ahahah! Mi fai morire! Soprattutto 'cercherò di non diventare come mia madre!' XD

    In bocca al lupo comunque!

    RispondiElimina
  7. mi raccomando, ricorda: gli uomini sono stati creati per portare fuori la spazzatura!!!
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  8. Non riuscirai a dormire in una posizione diversa da quella dell'uomo vitruviano, sallo.
    Sono sette anni oggi che cerco di impedire a mio figlio minore di farlo, e non ci sono riuscita.
    E' genetica, e con la genetica non si discute.
    In bocca al lupo per il resto. Mi sembri partita con ottime intenzioni.

    RispondiElimina
  9. mi piace moltissimo tua madre!
    auguri e raccontaci presto come va.
    Michela

    RispondiElimina
  10. BEEEELLO!!!
    auguroni per questa nuova avventura!!
    elena

    RispondiElimina
  11. Ahahhaha! In bocca al lupo!
    Non diventare come tua madre is the best!
    Se ti va passa da me che non sto messa meglio...almeno te il Cavaliere Impavido ce l'haiii!
    Lunette
    http://attriceincercadautore.blogspot.it/

    RispondiElimina
  12. Ma sei geniale! L'avessi fatti pure io!!!
    In ogni caso congratulazioni, e' un cambiamento enorme...ma bellissimo!
    A parte quando sono malati. Il mio almeno con due linee di febbre diventa insopportabile.

    RispondiElimina
  13. In bocca al lupo! Adesso aspettiamo di sentire come sta andando, e se sei già diventata uguale alla sua/tua madre :-D

    RispondiElimina
  14. un po' come la promessa sul finale di "4 matrimoni e un funerale".
    molto sano. ed io, molto insana. ecco perché l'amato bene, quando ha dato il culo alla porta per mai più rientrare, fuggì.
    uno dei motivi fu la mia mania per le gocce d'acqua in bagno.
    ora le gocce ce le lascio eccome.
    certo, non spremo il dentifricio a metà, mi manda troppo in cappella.
    ma ho apprezzato l'arte di lasciare i piatti nel lavandino un giorno in più.
    solo che non c'è nessuno adesso a sorriderne...

    (blogroll da stronza. La stronza per eccellenza, cioè io, non può farsi sfuggire l'occasione di visitarlo... go!)

    RispondiElimina
  15. hai un bel parterre di promesse mia cara, lo ammetto!
    sono veramente ambiziose...
    ma ce la puoi fare!
    di certo!

    RispondiElimina
  16. Tifavo per te/per voi da quando ti ho scoperta tramite il blog della Zit...Auguri caVa!! Ma(domanda da vecchia zia bacucca alias zitella)...e quando ti sposi?!

    RispondiElimina
  17. toh, combinazione leggo questo post che sono 5 anni che conviviamo (nel frattempo ci siamo pure sposati e abbiamo figliato): che ti sia di buon auspicio!

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Riscrivo :D
    Ti ho scoperta da poco... nonostante il post sia vecchio, mi ha fatta sorridere di cuore.
    In bocca al lupo , per il vostro futuro sotto il (vostro) tetto.

    BD

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...