Cerca nel blog

Post in evidenza

mercoledì 16 febbraio 2011

ll dovere di (s)parlare di Sanremo


Raga, io c'ho provato.
A stare zitta, intendo. Perché sparlare di Sanremo è come sparare sulla Croce Rossa.
Oggi tra radio, tv, blog, sento che non avrei niente di nuovo da dire.

Però ho tutte queste cose che mi girano nella testa da tutto il giorno, che mi fanno inciampare il criceto...e voglio dirle! Il dovere è quindi verso me stessa, so che non ve ne frega nulla, ma ho il dovere di dire ad alta voce la verità.



Informazione di servizio
Lo dico in maniera esplicita e chiara, così tutti capiranno: non si sentiva una minkia.
Non ho capito le parole (non i testi, le singole parole) di più della metà delle canzoni.


E non ho capito nemmeno il perché degli stacchetti rockeggianti per accompagnare gli ingressi. Su Albano ci stavano un po' come i cavoli a merenda. Fa sentire ancora di più la lontananza della musaica italiana da quella internazionale.

Nonno Morandi
Torna nel tuo prato verde. A Sanremo serve un conduttore con due palle così che sia in grado di tenere testa a una gerarchia politicizzata, a un direttore generale con manie di protagonismo, ai 500 autori, capiprogetto, uffici stampa e chiunque voglia dire la sua.
Solo Pippo lo sapeva fare. Credo che sia per questo che Fiorello non lo vuole fare: si sentirebbe ingabbiato. Secondo me il Gianni non sapeva nemmeno chi fossero Belen&Elisabetta prima del festival, ed era giusto che restasse così. Un innocente in più al mondo.

I due manichini ingessati
Che non sapevano cantare-ballare-recitare lo sapevamo. Adesso sappiamo che non sanno nemmeno leggere un gobbo in maniera decente (del resto nemmeno Morandi lo sa fare). Che era l'unica cosa che dovevano fare, in quanto vallette. Pare che abbiano litigato per mezz'ora su chi dovesse entrare per prima. Ma dico, non c'era una scaletta?

Elisabetta, adesso abbiamo capito perché non hai lavorato negli utlimi 3 anni.Per favore, cambia parrucchiere. E giuraci che MAI PIÙ, MAI PIÙ! ci rifarai vedere il camel toe in diretta in mondovisione. Te l'hanno vista anche sulle Ande.

Belen, si vede che sei straniera. In Italia i favoritismi si fanno dappertutto, ma GUAI a mostrarlo apertamente. Lei ha salutato almeno 20 volte la sua bella famiglia seduta nelle prime file, mentre tutta l'Italia femminile pensava: "Ma chi avrà pagato il loro soggiorno? Noi con il canone?" La metà maschile invece pensava: "Però, è gnocca pure la sorella!".

Luca&Paolo
Altre vittime illustri dell'effetto gessatura: i siparietti erano pietosi.
E, diciamo la verità, ti sputtanarei ha fatto ridere solo fino a ...erei.
L'unico motivo per cui gliel'hanno lasciato fare è perché Masi avrà validato ogni singola parola.

Possiamo ufficalmente dire che nessun professionista esce bene da Sanremo? Che nessuno fa bella figura? Che fa bene al conto in banca, ma non alla salute. Che non lo metterei nel curriculum?

Helen Hidding
Chi? Quella che ha fatto tutte le televendite, che se dovesse essere pagata a minuti -in-video prenderebbe più delle due sopra. Decisamente sovraesposta rispetto agli ultimi 10 anni in cui non ha fatto niente, e non ci era mancata.

Max Pezzali
9 e 1/2 per l'intonazione, l'importante è che lo ascolti a occhi chiusi.
Da notare l'autoironia con cui ha reagito questa mattina quando Linus, in diretta durante la sua trasmissione in radio, glielo ha detto chiaro in faccia che era vestito di merda. Se lo diceva alla Tatangelo partiva una denuncia per diffamazione.

Anna Tatangelo
Ecco, appunto. Lei è una ragaz...don...cant…presen... diciamo una persona, molto carina fisicamente, lo si capisce nonostante tutto quello che si mette per negarlo, che sconterà per sempre quelli che per lei sono pregi ma per tutto il resto del mondo sono colpe imperdonabili:
- è la compagna di Gigi d'Alessio (bbbbrivido)
- è la più vecchia giovane del mondo
- non ha delle amiche vere che le dicano che si veste di merda e si pettina e trucca ancora peggio
- vuole fare la cantante impegnata
- in più, ma forse da fastidio solo a me, inizia tutte le sue frasi con un “No,…” si vedano tutti i commenti che ha dato a  X Factor. Freud direbbe che è un atteggiamento passivo-aggressivo, io direi che è solo una grandissima in-educata.
In più, è di una presunzione tale che, dopo avere preso vagonate di merda a X Factor, dove le hanno sistematicamente eliminato tutti i concorrenti settimane prima della fine del programma, si ostina a presentarsi in video dopo poco. Non potevi aspettare un pochino, diciamo, 10 o 20 anni? Noi non avremmo sentito la mancanza. Spero solo che non sia ripescata.

Anna Oxa
A me lei piace(va), nella sua versione della fine degli anni '90. Da allora in poi, la guardo soltanto per vedere come si veste.  Mi piace perché cambia sempre, qualche volta c’azzecca, qualche volta meno, ma ha il coraggio di osare. Non come le due Barbie-valletta che hanno avuto la fantasia di avere i capelli dello stesso insulso colore. Ora, a 50 anni, una che ha fatto il suo successo, può decidere di fare quello che vuole e dedicarsi a una forma di musica incomprensibile, ma portarla a Sanremo? Poi non ti lamentare se ti eliminano. E, soprattutto, non ci andare con un vestito dello stesso stilista di Tonio Cartonio. Chi è Tonio Cartonio? Maddài... Oltretutto il look non era nuovo, un mesetto fa quando è uscito il suo nuovo singolo, ha fatto il tour promozionale in tutte le trasmissioni tv vestita così.

Natalie&Emma&Giusy Ferreri
Menzione unica per le scappate-di-casa prodotto da reality che hanno tutte le stesse caratteristiche: voce potente, bella , intonata, canzone insulsa e il più grosso difetto, per un cantante, dopo la voce. Non sanno stare sul palco. Perfino la moglie di Alonso ha più presenza scenica. Anche Albano fa meglio di loro. Non sanno muoversi, non sono belle da vedere, non sanno camminare sui tacchi se li hanno, sono come dire…legnose. In più Emma (anche questa sera) si piazza sempre davanti al riflettore con gli abiti di voile regalandoci un panoramica dettagliata del suo interno coscia. Ma le prove a cosa servono? E’ per questo che non dovrebbero andare a Sanremo, anche se hanno la voce,  non sono pronte.

Patty Pravo
Tutti a dire che ha stonato. E pensare che mi sembrava che lo avesse fatto meno delle ultime 5 volte al Festival! Detto questo, lei è un mito. Non ricordo una canzone dopo Pensiero Stupendo, ma la adoro. Adoro che non si mette il reggiseno, che non riesce a parlare da quanto è tirata, che si era vestita con una tonaca da prete. La adoro perché è lei, chissenfrega della voce.

Infine, una paio di perle linguistiche del menestrello Davide Van de Sfroos di cui sono (seriamente) una fan:
"Sandokan col mohito e il biglietto con sopra l’invito
Sandokan che ha imparato a pilotare le infradito…
...Sandokan viene in spiaggia con le mutande della Billabong"

Le altre canzoni
...eh?

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...