Cerca nel blog

Post in evidenza

mercoledì 16 maggio 2012

Alziamo il volume

In qualità di consumatrice, rivendico il mio diritto a non essere presa per il culo.
Le campagne pubblicitarie dei cosmetici fatte con artifici e poi fotoscioppate E' ORA DI BASTA.
Maggio, a quanto pare, è il mese del mascara. E più scorro le pagine dei femminili, più mi girano i cojones.
Questa per me è pubblicità ingannevole, non c'è altro modo di definirla. Possibile che l'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria non se ne sia mai occupato?

Cominciamo con Pupa, che appiccica due tende da esterno alla modella, per un mascara Tempotest


Ciglia finte
Continuiamo con Deborah, che lancia il mascara effetto "Porcellino d'India peloso"

Ciglia finte e pure brutte


E l'Oreal mette il carico, con le "ciglia che quando le sbatti parte un uragano".
Certo, se Gabrielle Solis poteva fare la modella su Vogue, allora possiamo credere a tutto...per un mascara effetto "Sì sì, crediamoci".

Ciglia finte
Viste le foto recenti della Schiffer, in questa foto le sue ciglia rappresentano il 70% del suo peso corporeo. Per un effetto "Inganna il dietologo".

Ciglia finte che si incastrano nella frangia

Ma il problema è del settore intero, visto che non importa di quale nazione, posizionamento, fascia prezzo sia la marca.

Dior, tu quoque.
(Io difenderei il mio Diorshow davanti a un tribunale, ma non la sua pubblicità)

Ciglia finte e trucco che cerca di nascondere
Chanel non vuole essere da meno (te pareva):

Ciglia finte, si vede pure che sono staccate nell'angolo esterno.
 E Guerlain si adegua...

Ciglia finte, ma ottimo modo per nascondere il naso nelle foto, se non vi piace


Occhei, a noi donne piace farci illudere, ma se una ha le ciglia così:

Ciglia vere e con mascara, povera! Foto presa da qui

come potrà mai avere un effetto anche solo vicino a quello delle pubblicità?

31 commenti:

  1. mitica!Tutti bravi a pubblicizzare mascara con modelle dotate di super ciglia finte!

    RispondiElimina
  2. Quindi sono l'unica al mondo ad odiare Diorshow?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IO, IO ODIO IL DIORSHOW!
      E mi tocca pure usarlo, con quello che costa...non vedo l'ora di finirlo.

      Elimina
    2. anche io lo odio !Cris

      Elimina
    3. No, dai, parliamone. Diorshow Iconic è DIO.

      Elimina
    4. Io ho Diorshow e basta, non c'è scritto nient'altro: ciglia dritte e tutte appiccicate.

      È questo:
      http://www.diormascara.org/wp-content/uploads/2011/11/diorshow.jpg

      Elimina
  3. Condivido... non capisco però come mai tanta veemenza per l'essere presa in giro, e nessun rigurgito di apparente moralità sapendo che TUTTI i marchi citati fanno vivisezione e torturano milioni di animali in nome della "bellezza"...
    Seriously?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Isotta, sollevi un tema spinoso...il fatto è che credo tutti (tutti quelli sani di mente) siano contrari alla vivisezione e alle torture sugli animali, specie per articoli cosmetici. Il problema è che non ho la voglia e la forza di comprare solo marchi che non testano, il panorama diverrebbe molto arido, perché sono veramente poche.
      Per discolparmi posso dire che il mio secondo mascara della Essence (vuoi non avere due o tre mascara?) e la Naked palette di Urban Decay non sono testati perché queste due marche non testano.
      Ok, lo so non basta. Vado a fustigarmi.

      Elimina
    2. Guarda, già il fatto che uno si sforzi è positivo!Io sono vegetariana, animalista ma da sempre, fin da piccolissima amo sia la moda che il make up, due campi in cui, ahimè, lo sfruttamento animale è ai massimi livelli.Quindi capisco quando dici che il panorama è veramente arido, quando entro in profumeria non posso toccare il 97% dei prodotti e dio solo sa quanto mi piacerebbe...Tuttavia credo che non dovremmo essere noi ad adattarci, ma il mercato dovrebbe farlo. Anche solo una parola ogni tanto...chissà magari ce la facciamo a cambiare le cose. Il potere è nelle mani del consumatore!
      Grazie per la risposta e buona giornata.

      Elimina
  4. ambè...quando c'hai ragione c'hai ragione! :-)

    RispondiElimina
  5. Sono perfettamente d'accordo! Io bandirei photoshop dalle campagne pubblicitarie dei cosmetici. Ok, so benissimo che nessun mascara al mondo può farmi diventare le ciglia due ventagli, ma questa è precisamente pubblicità ingannevole!

    RispondiElimina
  6. mamma mia che tristezza l'ultima foto...

    comunque voglio spezzare mezza lancia a favore non delle pubblicità che è evidente che vanno do photoshop e ciglia finte, ma a favore di alcuni mascara che costano 1/4 di quelli sopracitati è sono buoni: quelli di BV. Molti li odiano ma a me le ciglia folte le fanno davvero.

    RispondiElimina
  7. In questi giorni voglio provare le ciglia finte,sono curiosa che effetto mi fanno:)

    Per il resto,concordo in pieno...nulla togliere al mascara,che qualcosa fa...ma mai come nella pubblicità,appunto ... INGANNEVOLE !!!

    L'ultima...mi fa un pò impressione e credo di dare una spolveratina all'olio di ricino:)

    RispondiElimina
  8. Allora quale comprare??? Illuminami, che non c'azzecco mai col mascara! Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspe, io ho detto che le pubblicità sono ingannevoli, non che non li comprerei. Il senso è: comprateli ma non vi aspettate miracoli.
      Io adoro Diorshow, ma come vedi qui sopra i pareri sono molto contrastanti. Il consiglio migliore è andare struccata in negozio e provare TUTTO. :-)

      Elimina
  9. Vogliamo che i panini di mcdonald siano fotografati con le dovute proporzioni!
    bastacon sto fatto che poi vai lì, ti danno quel coso mignon e ci resti male!

    RispondiElimina
  10. Io sapevo che in UK hanno bloccato la campagna di non so quale mascara perché venivano usate delle ciglia finte.

    Cmq sarà che la lunghezza delle ciglia non è un mio problema, la vera differenza per avere delle ciglia da paura è come lo si mette il mascara.
    Su quello, sono una vera PRO.

    RispondiElimina
  11. Grande!! Ma secondo te quante sono quelle che ci cascano? (tante, mi sa, se no non ci sarebbe sto stratagemma).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima dell'arrivo di Internet e del passaparola come metodo per prendere le decisioni, ci siamo cascate tutte. Il prossimo step è fancularli pubblicamente.
      Oddio se penso che c'era un mondo senza internet...oddio quanto sono vecchia...lo racconterò ai miei nipoti...

      Elimina
    2. Zitta va', che io sono della generazione della tv bianco e nero e tre canali O.O

      Elimina
  12. bruciatemi viva ma quello della Kiko, il False Lashes è meraviglioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellina, qui non si brucia nessuno. Più o meno abbiamo imparato tutte che un cosmetico non si valuta dal costo, dalla marca o dalla pubblicità, ma dalla prova sulla propria pelle/ciglia.
      Io però bricerei chi va in giro in pubblico così:
      http://www.foggiapress.it/images/stories/hilaryclinton.jpg

      Elimina
    2. concordo in pieno, anche sul barbecue (nunsepòguardà) ;)

      Elimina
  13. Una pubblicitá che mi ha impressionato perché si distingue dalla massa é questa:

    http://www.campaignlive.co.uk/news/1113384/

    Non so se é arrivata in Italia, ma c'é in UK e Irlanda. Secondo me in questa campagna non sono state usate ciglia finte - infatti le ciglia non si notano!
    Cmq grande tempismo, qualche settimana fa ho visto su una rivista la foto della pupa, che é un insulto alla mia intelligenza, e a quanto pare a quella di tante altre donne!!

    RispondiElimina
  14. e posso aggiungere che mi ero sentita insultata da Kate winslet che faceva la madrina delle non rifatte, che le donne devono essere belle al naturale e poi bam, sulla pubblicità di Lancome è una specie di emoticon fatta coi pennarelli http://www.yourself.it/blog/beauty/files/2011/10/kate-winslet-lancome.jpg

    RispondiElimina
  15. sembrano le mie le ciglia nella foto...per dire. comunque tutti sanno che sono finte e nessuno dice niente, si sa e basta.

    RispondiElimina
  16. difendo quello de L'Oréal. Non da' il risultato della foto, ovvio, però volume a manetta!

    RispondiElimina
  17. Io l'ho capito all'età di 13 anni che le pubblicità dei mascara erano ingannevoli...sapevo che quelle non erano ciglia vere impiastricciate di rimmel, quelle erano stramaledette ciglia finte! Poi arrivò la photoshoppata a completare il tutto.
    Io guardo solo lo scovolino quando acquisto un mascara e il colore stop.

    RispondiElimina
  18. AHAHAH... è la prima volta che leggo il tuo blog (ci sono capitata per caso cercando suggerimenti per i vestiti da invitata a un matrimonio) ma mi hia fatto morire dal ridere... ciglia finta per ingannare il dietologo è fantastica!! :-)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...