Cerca nel blog

Post in evidenza

venerdì 22 giugno 2012

Non ricordatemi così


E niente, ieri a pranzo con le colleghe si parlava di anni ’90, e ad un certo punto la conversazione è virata sugli outfit (termine che negli anni 90 non avevo mai sentito). Non è che oggi io sia esattamente la regina dello stile (tranne che agli occhi di Madre Mordo), ma mi è partita una scarica di brividi di paura al ricordo di un abbinamento (si chiamavano così) e al pensiero che ci siano delle tracce fotografiche e dei ricordi nella mente della gente che mi viene voglia di chiudermi in casa per un po’. Tipo per sempre.

L’OUTFIT NON E’ LA RAI (l'occasione fa la teenager cieca)

La mia famiglia decide di fare una mega-riunione in campagna con tutti i cuggini.  
Non pensate a quelle riunioni di famiglia pessime e piene di vecchi sullo stile del compleanno di Tata Francesca, ma piuttosto a una banda di 20 cugini sui 40/50 anni sposati e con figli adolescenti, tra cui io. Location: casa di campagna, periodo: estate, menù: porchetta e costine. 
Memore della riunione dell’anno prima, dove avevo conosciuto il Cuggino Figo, voglio fare bella impressione quindi passo una mattinata a decidere cosa mettermi. Proprio in ragione di quel tempo perso davanti all’armadio, ancora non mi capacito del risultato. Forse è dovuto al fatto che pensa che ti ripensa ho perso tempo, e a un certo punto Padre Mordo ha intimato di salire in macchina altrimenti partiva senza di me. Ergo arraffo 3 capi disponibili e mi agghindo così:
- maglietta bianca e nera larga-ma-molto-corta con ombelico in esposizione
E fin qui tutto bene. Insomma, sono gli anno ’90 e il mio fisico lo consente.
- shirts ciapamerda
E qui il disco si inceppa. Non ho MAI, giuro MAI indossato i ciapamerda in vita mia in nessun altra occasione. MA PERCHÉ PROPRIO QUELLA VOLTAHHH?
Ma la perla arriva ora:
- le scarpe della Fornarina modello queste



Ovviamente del modello anni ’90. Che, per inciso, producono ancora. Ebbene sì, lo so di avervi scioccato. E pensare che mi ero pure rifiutata di comprarle! Erano di mia sorella, una delle 3 cose che mi sia mai fatta prestare da lei, una piccola tamarra in erba. Che tra l’altro era vestita uguale a me, quindi sembravamo Skipper e vice-Skipper.

La domanda è PERCHÉ? Perché ho avuto una perdita di lucidità momentanea e mi sono vestita come una velina nana? PERCHÉ? Per colpa di un uomoragazzino che non mi vedeva neanche?

Ho recuperato la lucidità un attimo troppo tardi, cioé non appena mi sono seduta in macchina, e mi sono pentita subito. Ma i Genitori Mordo, inflessibili, non mi hanno permesso di tornare indietro (la stanno ancora pagando oggi).

Risultato? Vergogna profonda. Onore a me per avere avuto almeno vergogna. Mi vergognavo talmente tanto che alla Sagra dei Mordo mi sono seduta su una di quelle simpatiche panche da esterno che ti lasciano le righe sulle cosce e non mi sono mossa per tutta la giornata. Sembravo una bambina di 11 anni con la sua prima mestruazione che ha paura che gli altri se ne accorgano. In effetti era una prima volta per me, la prima volta che mi vestivo da scema coscientemente.
Il cugino? È arrivato solo nel tardo pomeriggio, quando io me ne stavo andando. E non l’ho mai più rivisto. Ricky, non ricordarmi così!
Voci di corridoio mi dicono che oggi ha perso tutti i capelli. Sarà stato il mio outfit? Ovviamente la prossima volta che lo incontrerò sarà tipo in ospedale dopo aver partorito (io), con il pannolone, la camicia da notte improbabile e i capelli svunci. Minimo gli cadranno i denti.

28 commenti:

  1. Ma cosa sono gli shirts- ciapamerda? Shorts? pantaloni harem?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. me lo chiedo anch'io. foto! foto!

      Elimina
    2. Ma comeee? I ciapamerda sono gli shirts in spandex, un paio di centimetri in meno e li chiameremmo coulottes.

      Elimina
  2. e chissà quante vittime inconsapevoli avran fatto quelle scarpe lì XD

    RispondiElimina
  3. Forse intendeva shorts culocacato, quelli tutti mollacciosi sul sedere, quelli che in versione lunga si sformavano sulle ginocchia. L'elastam, questo sconosciuto!

    P.s. Ma ve li ricordate gli abiti di finto vellutino infiammabile Bordeaux e blu di Non è la Rai? Erano di Phard. Bramavo di averne uno. Grazie a Dio non mi hanno mai permesso di comprarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strepitato finché madre non me ne comprò uno per festa di Capodanno. Se fossi finita vicino a fuochi d'artificio, oggi non sarei qui.

      Elimina
  4. Ma come!!? Impiego anni e anni a rimuovere il ricordo delle Fornarina e tu mi pubblichi questo post? Io le avevo in blu. Stesso modello. Vergogna massima.

    RispondiElimina
  5. non li chiamavo ciapamerda, ma ce li avevo anche io.
    li usavo per andare a fare allenamento di pallavolo, e mi piacevano pure parecchiotto

    RispondiElimina
  6. Io avevo quelle fornarina in grigio argento...immortalate su tutte le foto della gita di quinto liceo :-|
    MP

    RispondiElimina
  7. oddio quel vestito di non è la rai...lo avevo anche trovato,per fortuna non ho avuto il coraggio di comprarlo!!!!

    RispondiElimina
  8. ehehehe... Ciapamerda è stata una parola must anche a casa mia, tipicamente sulla bocca di nonna! Per lei però, i ciapamerda erano già i pantaloncini appena sopra al ginocchio, se troppo attillati! ;)
    Il periodo buio di non è la rai l'ho passato anche io...ero cotta di Ambra e mi sembrava una dea!!! Tanto che dormivo coi bigodini per rendere i miei capelli spaghetti, riccioli come i suoi...e poi mi sono fatta fare dalla mamma, la gonnellina corta scozzese con la patella come una salopette, uguale a quella di Ambra!!!!! Ussignur, ecc l'ho detto... ;)
    Per fortuna si cresce dai.... un bacio!!!! msbx

    RispondiElimina
  9. Io invece mi vestivo stile Ambra quando cantava "ti appartengo" con tanto di cravattino e capelli boccolosi! Mamma mia, che vergogna! Quasi quasi esco prima dall'ufficio e vado a casa a bruciare le foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringraziamo il cielo che non ci fossero le macchine digitali e i telefonini...

      Elimina
    2. Ma soprattutto non esisteva FACEBOOK.

      Elimina
  10. Ciao!
    Da ragazzina mi sono vestita dimmerda parecchie volte, che se ci penso ora... brrr!
    Però posso dire fieramente di non essermi mai vestita stile Non è la Rai. Almeno di questo posso vantarmi!

    RispondiElimina
  11. ma cosa diranno fra 20 anni quelli che oggi circolano con pantaloni a quadri e maglia a righe? pare che ultimamente sia un must :|

    RispondiElimina
  12. Ventitreenne scarsamente erudita sullo stile Non è la Rai, vi posso però dire che il medioevo degli outfit colpisce tutti! Non oso pensare a come mi sia potuta vestire in certi modi per un periodo imprecisato della mia vita e pensare di essere a posto!
    La mia è stata la generazione delle magliettine con le pupette della Onyx, dell'ombelico di fuori con i lardelli bene in esposizione che lo spandex era passato dai pantaloncini ciapamerda ai top indefinibili.
    E in effetti la domanda sorge spontanea: cosa penseranno di loro stessi i bimbiminkia di nuova generazione?

    RispondiElimina
  13. Anche se ho 23 anni, ricordo di essermi fatta comprare per Natale la cassetta con le musiche di Non è la Rai. A mia discolpa posso dire che ho una sorella più grande, che volevo copiare in tutto....anche nelle scarpe! Stesso modello di Fornarina, io nere lei blu.
    Vomito ora!
    La maglietta mostraombelico si vede ancora, nonostante i tempi non sospetti.
    Bello bello bello questo blog! Nuova (accanita) follower

    RispondiElimina
  14. Anche io avevo le Fornarina ♥♥♥
    Idem per la maglietta con l'ombelico in mostra, allora potevo permettermele! Ora sembrerei Homer Simpson!

    http://nnsonounafashionblogger.blogspot.it/

    RispondiElimina
  15. Vabbè dai consolati col fatto che non ti sei presentata con la camicia da boscaiola e le timberland stile beverly hills 90210!


    http://theblakebook.blogspot.it/

    RispondiElimina
  16. Vorrei usare questo spazio per fare una confessione.

    Io le fornarina nn le ho mai comprate.
    Nella mia scuola la gente portava direttamente le Buffalo platform, quei ferri da stiro dell'800 con sopra le scarpe...

    Io ho resistito finche´ ho potuto, ma alla fine ci sono cascata con tutta la mia sfigaggine: sono andata da Fiorucci e ho comprato non le Buffalo, no...
    ma delle scarpe con sotto una suola di 10/15 cm ARANCIONE-NETTEZZAURBANA.

    Ecco, l'ho detto.

    RispondiElimina
  17. In nome di tutti i nostri errori, noi ti perdoniamo.

    RispondiElimina
  18. ahahah terribili le fornarina!! io per mia fortuna non le ho mai avute... ma ho comprato 120 mila lire di ZONE!! che vergogna!
    vorrei spezzare una lancia a favore di chi ha indossato le fornarina... erano scarpe orribili in un periodo buio della moda in cui negozi di scarpe non non offrivano un gran che... MOLTO PEGGIO CHI OGGI INDOSSA LE HOGAN!!!

    RispondiElimina
  19. io sono ventenne e già mi sembra di essere di un'altra epoca: in periodo medie spopolavano i baggy jeans con la vita a livello inguine, le felpe della lonsdale e della everlast, le magliette della guru con il fiore e per concludere le tiger..

    RispondiElimina
  20. Scarpe Fornarina, pantaloni a zampa Killah e felpette Onyx.... MIODDIOOOO!!! Posso solo ringraziare il cielo di esser stata troppo giovane per le Buffalo... anche se ho osato possedere un paio di simil-anfibi Onyx fiorati.. grazie al cielo non esistevano gli smartphone nei '90, altrimenti sarei finita diretta su Scarpedimerda!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...