Cerca nel blog

Post in evidenza

martedì 2 ottobre 2012

Ditelo alla sposa

E' arrivata anche la versione italiana di "Non ditelo alla sposa" (il martedì su Lei, canale 127 di Sky e in replica su La7, il martedì alle 23 dichiarate, 23.50 effettive).

Prima di cominciare a (s)parlare del programma, vorrei enunciare il mio curriculum. Mi sento titolata per parlare dell'argomento perché ho maturato una certa esperienza, dopo avere visto le mie amiche sposarsi una a una, nei modi, giorni e mesi più improbabili, incluse le versioni "a sorpresa" e "non te lo volevo dire ma mi sono sposata". Ho visto la versione UK e irlandese su Rai5, più tutte le trasmissioni possibili e immaginabili su Realtime sull'argomento e il sabato mattina faccio colazione davanti a WeddingTv guardando i filmati dei matrimoni altrui. Al momento sono in bilico tra la nausea, la voglia di non farlo MAI e la voglia assurda di sposarmi domani. E' un bel dilemma, ma questo non è il tema del post.

Per chi non conoscesse il programma, in ogni puntata la produzione separa una coppia di promessi sposi e fornisce lo sposo di15.000 Euro per organizzare il matrimonio in 3 (sì, tre) settimane. Nel budget ci deve stare tutto: catering, abiti, fotografo, fiori...e qualsiasi cosa vi venga in mente (cioé molto poco altro). Gli sposi non possono sentirsi durante l'organizzazione e la sposa è ignara di tutto fino alla fine. La puntata ruota quindi attorno al dramma esistenziale dello sposo che non sa gestire un budget e non conosce la sposa, e la sposa che vive nell'ansia per tre settimane.




Già alla seconda puntata, si può dire che è un reality, anzi, c'è veramente poco di reale. Le mie supposizioni sono suffragate da prove:
- la sposa e le sue amiche, non importa in quale momento/occasione vengono riprese, hanno sempre i capelli appena fatti, possibilmente con i boccoli da ferro (ancora ve lo devo dire che BASTA?)
- le rispettive mamme compaiono raramente. Andiamo, dove l'avete visto che le mamme non mettono becco, soprattutto in questi eventi? Le mamme vivono per questo!
- gli inviti vengono spediti al massimo 3 settimane prima della data. E la gente si presenta! Certo, in UK non è un problema, lì manco vanno da parrucchiere. Ma in Italia, in Italia signora mia, tre settimane non bastano nemmeno per pensare di prenotare il parrucchiere, figurati per essere pronti.
- la sposa per gioco può andare a provare i vestiti dove vuole (per gioco, perché sarà lui a scegliere l'abito dove e come vorrà) e casualmente finisce sempre negli atelier più in (Le Spose di Giò), mentre lui si reca al massimo da Sciro, o mago der satèn.

Il programma è pensato da due menti: il più importante è un uomo, perché l'immagine che ne esce è che le donne (in generale, non le partecipanti) sono tutte isteriche riguardo al matrimonio. In fondo, non serve iniziare a pianificare il tutto un anno prima, a impazzire per i dettagli, fare un mutuo, quando un uomo in tre settimane e con un budget non enorme riesce a organizzare tutto in maniera forse non perfetta, ma di cui la sposa sia molto felice. La mente maschile ovviamente è quella che fornisce anche le pastigliette calmanti alla sposa durante le interviste. Solo così si spiega la placidità con cui affrontano il fatto che lui non abbia previsto, che so, parti del vestito o le tovaglie.
La mente femminile invece è quella che mette il luce come un uomo non abbia idea dei costi di nulla, se gli dài dei soldi, per decidere come spenderli deve bere una birra per iniziare a pensare e soprattutto, non conosce la taglia della donna con la quale dorme da anni. Non degli abiti, non delle scarpe, non sa nemmeno indicare quanto è alta a spanne. Agli uomini serve un libretto delle istruzioni.

E tu, sposa, tu che lo conosci: sai che parteciperai a questo programma, lo sai da mesi, perché accidenti non gli lasci istruzioni dettagliate? Hai presente quel quandernino che stai compilando diciamo, da quando hai 6 anni, in cui hai incollato quelle dieci-venti(mila) foto di abiti, di bouquet, di bomboniere? Questo è il momento di tirarlo fuori e farlo memorizzare allo sposo. Di scrivere casualmente sullo specchio del bagno la tua taglia e il tuo numero di scarpe e che vuoi/non vuoi il velo. Di lasciare in giro per casa, sempre casualmente, quel paio di scarpe che hai comprato alla svendita di Jimmy Choo in previsione dei tempi futuri. Nei mesi che precedono le riprese, devi ripetere a nastro minacce non velate: caro sposo, se ti viene un'idea NON seguirla. NON pensare. Attieniti al Libro Rosso della Sposa! Questa è l'unica strategia che può funzionare. Altrimenti sapete che succede?
Ho visto sposi:
- organizzare grigliate come pranzo di nozze (il mio ideale) mentre la sposa non mangia carne
- organizzare grigliate di maiale, quando tutta la famiglia della sposa è musulmana
- comprare una coroncina alla sposa che aveva chiesto espressamente un velo
- scegliere abiti a sirena mentre la sposa è stata ripresa affermare "Tutto tranne a sirena"
- organizzare come animazione uno spettacolo di ballerine hip hop
- spendere il 30% del budget per un week-end con dieci amici
- scegliere di mangiare con le posate di plastica perché non ci sono soldi per le vettovaglie.

Da un confronto con le versioni straniere, una cosa evidente è che in Italia la prendiamo sempre in quel posto: con la stessa cifra più o meno (12.000 sterline) i migliori sposi in Inghilterra riescono a organizzare anche addio al celibato e nubilato (della durata di un week-end) e a farci stare i vestiti delle damigelle. Da noi arrivi a malapena al pranzo di nozze e a un vestito di seconda mano per la sposa, senza l'intimo.

Vorrei inoltre lanciare un messaggio per i produttori di scarpe da sposa: fermatevi. Liberate il mondo dal bruttume che state immettendo nei negozi. Basta. Le scarpe da sposa fanno tutte inesorabilmente schifo. Sono brutte. Hanno delle punte che nemmeno nei peggiori anni '90. "Perché devono vedersi dal vestito" dicono. Ma vaffanculo! Non si vedranno MAI sotto l'abito. E in genere sono rivestite di un materiale talmente delicato che si rovinerà al momento alcolico della festa (perché c'è sempre quel momento, vero???), essendo perlopiù bianche, saranno immettibili in un'altra occasione. MA costano un fottio. Se almeno in un vestito da sposa ci vanno metri di tessuto e tanto lavoro di sartoria, che giustifica un prezzo più alto (anche se poi, in alcuni casi, una volta indossati non ne valeva davvero la pena), vi prego di spiegarmi cosa c'è in una scarpa da sposa che giustifichi certe cifre. Non la marca, non i materiali, non il design. Cosa resta? LA FUFFA. Le scarpe da sposa dovrebbero essere stupende.  E devono essere indossabili in altre occasioni. Invece le spose in genere poi le bruciano, per evitare di ricordare che le hanno indossate. Le più caritatevoli le lasciano in pace in fondo all'armadio, della mamma però. Nella casa nuova non ci possono entrare!

Confesso che sono stata tentata di contattare il programma quando avevo visto il messaggio scorrere in sovra-impressione su Italia1. Perché non l'ho fatto? Il Cavaliere Impavido sta già sovrintendendo ai lavori della casa, cosa che gli/mi/ci causa abbastanza stress. Aggiungere il carico da novanta avrebbe potuto dargli la mazzata finale. E di tutto il matrimonio, che potrei con media serenità far organizzare a lui, c'è una sola cosa che mi importa e sulla quale non potrei delegare, cioé l'abito. Soprattutto dopo avere visto i regali in abbigliamento che mi ha fatto scegliendoli da solo (a pensarci bene l'ultima volta è stato lustri fa). Ma se la studio bene, alla prossima edizione ce la posso fare. Mi mancano solo due capitoli del libretto delle istruzioni: come trovare l'abito che avrò già acquistato, e come azzeccare la data che avrò già prenotato.

44 commenti:

  1. Qui in Irlanda il programma sembra piuttosto genuino: lo sposo compra l'abito alla fidanzata nell'Outlet del paese, le spose finiscono con vestiti più grandi di una taglia, le mamme si lamentano spudoratamente del genero, ecc. Ma come hai giustamente detto tu, qui "manco vanno da parrucchiere", ahahaha!

    RispondiElimina
  2. La versione italiana è una palla assurda.
    E non è credibile. Sì, certo la chiesa e il ristorante LI TROVI SICURO 3 settimane prima.
    Adoro quella inglese, scorrono fiumi di alcol, tutto è più alla mano e ho notato che lo sposo sceglie sempre un vestito più bello di quello che avrebbe scelto la sposa.
    Vabbè, poi io sono rimasta sconvolta da quello che ha speso 2000 sterline per l'addio al celibato a Praga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che li trovi, il ristorante in 3 e la chiesta basta prenotarla 15 giorni prima se non abiti a Torino... o altre città

      Elimina
  3. A me verrebbe un'ansia incalcolabile, no non delegherei mai solo a lui l'organizzazione. Si decide insieme, punto. E su un punto non transigo manco morta: la scelta dell'abito, che devo fare io e solo io. Ieri sera ho visto un pezzo di questo programma: lui che si era dimenticato di portarle le scarpe e che non aveva pensato proprio a comprarle l'intimo. Dicendo, al telefono con la madre di lei:"Beh ma le mutande deve portarle per forza?!"
    La chicca poi è stata la scena finale in cui lei si ricredeva sulle capacità organizzative di lui, applaudendo l'impegno e rimanendo positivamente impressionata e lui, per tutta risposta, chiede: "Questo video poi ci rimane? Rimane a noi per sempre? Perché glielo farò vedere tutte le volte in cui mi dirà che non faccio nulla: la piazzerò davanti alla tv e le farò riascoltare quello che ha appena detto aggiungendo: e adesso vai a lavare i piatti vai..."

    RispondiElimina
  4. Io dopo i regali di abbigliamento che mi ha fatto non potrei MAI neanche pensare di fargli organizzare il matrimonio: ora ok in Irlanda ci sono taglia diverse, ma non lo vedi che in quel vestito ci entrano 5 me?! praticamente mi aveva preso un vestito della solita taglia che prendo in Italia. No non potrei fargli scegliere nemmeno i segnaposti! Ma poi scusate, sono rimasta io l'unica scaramantica che crede ancora che il marito non debba vedere l'abito prima del matrimonio?!

    RispondiElimina
  5. Sinceramente quando gli italiani cercano di copiare questi programmi vengono fuori delle cose assurde!
    Io non so come una sposa possa sottostare a questa cosa,forse una che sennò non avrebbe i soldi per farlo il matrimonio,altrimenti non me lo spiego.
    Io da buona maniaca del controllo non delegherei nulla,perchè sono certa che alla fine sarei scontenta di qualcosa e non mi godrei il giorno stesso.Poi buona parte della bellezza del matrimonio è lo scegliere il vestito,col cavolo lo farei scegliere al mio fidanzato!
    Non mi sono mai posta il problema delle scarpe perchè sono così orrende che sto scacciando dalla mente l'idea che le dovrò indossare.

    http://onlyastorminacoffeecup.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. Visto e sono rimasta sconvolta! Anche se con i dovuti accorgimenti si riesce a stare sotto la cifra dei 15000 euri! Almeno noi momentaneamente ce la stiamo facendo grazie ad una serie di fortunate circostanze ( tipo un'offerta al ristorante che ci piaceva ci ha fatto risparmiare 20 euro a testa... 20 mica bubba!).
    Le scarpe da sposa oltre ad essere ORRENDE, fanno un male boia! Non avete un idea! Ma io dico cazzo ci vuole a farle un po' più comode e un po' più belle?
    Detto questo A Futuro Marito non gli permetterei mai di scegliermi il vestito, mai, lui è convinto che io stia bene anche coi leggins...
    V.
    http://ommiodiomispos.blogspot.it/

    RispondiElimina
  7. L'HAI DETTO, SORELLA! il problema sono le scarpe!!
    mi sono sposata l'anno scorso e l'ansia maggiore è stata trovare un paio di scarpe decenti. in atelier mi hanno proposto un paio di SABOT, punta ad angolo di 15°, color perla e tacco largo RETTANGOLARE. robe che vomito sul vestito (appena scelto). al modico prezzo di .. 280 euro!
    non che una volta uscita sia andata meglio.. come metti "scarpe" e "sposa" nella stessa frase ti tirano fuori le peggio ciofèche. forse portare scarpe brutte il giorno del matrimonio è auspicio di buona fortuna? nel senso: fanno talmente caccare che non ti auguro di metterle mai mai mai più. tiè.
    detto ciò l'anno scorso è stata particolarmente tragica: primo perchè andava lo scamosciato OVUNQUE e secondo perchè non andava il beige/panna. Ah si, niente sandalo perché le dita completamente fuori fanno cafone (e su questo sono d’accordo) .. da qui ne discende la ricerca delle calze autoreggenti senza cuciture sulla punta.. ma mi fermo perché mica voglio rovinarti tutta la suspance dei preparativi.
    Or ora, dicevamo, le scarpe. io volevo pure fare la sposa FESCION che si metteva le scarpe rosso fuoco ma come ho ventilato l'idea a mia mamma capirai quella che reazione ha avuto!
    Indi, niente scarpa rossa.
    che poi, trovami tu un paio di scarpe per un matrimonio a settembre (ah! le scarpe le devi avere MESI prima perchè, ovviamente, le sarte devono aggiustare la lunghezza dell'abito in base alla gonna e vaglielo a spiegare tu che non te le puoi fare da sola ‘ste ca… di scarpe!), aperte ma non troppo, beige chiaro ma non perlato, che si intonino con il colore del vestito, che siano carine e non da battona.
    quindi c’hai l’ansia, la fretta, e pure il nervoso perché se devi spendere 250 euro in un paio di scarpe che sia, ma almeno che siano fighe e che le possa usare almeno altre 3 volte!
    Alla fine le ho trovate, mi sono apparse in una vetrina mentre giravo sconsolata in pausa pranzo. Ti dico solo che ho chiesto permesso per essere lì fuori dalla porta del negozio ad aspettare che aprisse per poter essere la prima a chiedere di quelle scarpe. Ovviamente era l’ultimo 39, quando sono uscita con il mio pacchettino sotto al braccio volevo piangere dalla gioia!
    Un bacione dalla tua allieva “cazzo mi trucco al matrimonio del collega”
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho paventato l'ipotesi scarpa colorata.... a mia mamma e a mia zia ( quella più fomentata per il matrimonio) gli stava per partire un embolo! Ma come mesi prima comprare le scarpe?????? Sarà un dramma!!!!
      Grazie Elena della dritta, mi deprimerò andando a cercarle!

      Elimina
    2. Tesoro, respira e ricorda: non c'è niente che un buon bicchiere di rosso non possa sistemare!
      :-)
      pensa io mi sono sposata a settembre, ho chiamato in atelier per prenotare la prima visita a gennaio e mi hanno urlato di tutto che ero TARDISSIMA. conta che il vestito che ho preso è stato il primo in assoluto che ho provato. robe da recordman: in 2 ore sono entrata ed uscita, con il vestito scelto.
      credo che loro si agitino moltissimo anche per darsi importanza.. alla fine non mi vorrai dire che se arrivo anche 2 mesi prima non combini a vendermi un vestito da 3000 euro...?
      altra cosa: lascia stare la lingerie che ti propongono nei negozi da sposa. è carissima e stile.. retrò. poi non so come la pensi tu ma da intimissimi fanno la collezione sposa in seta che è una meraviglia. a me volevano tra l'altro vendere un reggiseno a fascia color carne in microfibra di La Perla prezzo 90 euri che alla fine doveva essere cucito sul vestito e quindi si sarebbe comunque rovinato (ok, ok, io sono un caso disperato e sono particolarmente sguarnita sul davanti..). ho trovato la stessa identica cosa da intimissimi a 15 euro e poi per la prima notte di nozze ho preso sempre da intimissimi brasiliana, reggiseno e camicietta da notte tutto in seta e non sono arrivata a spendere i soldi del solo reggiseno...
      se hai le scarpe open toe e intendi mettere comunque le calze (si, VERO?!) vai da golden point e chiedi di quelle senza pedalina: hanno la cucitura ma è sottile e riesci a spostarla leggermente sotto al piede. quelle completamente senza cuciture esistono ma costano tipo 80 euro..!
      e non fare come me, goditi i preparativi perchè poi li rimpiangerai (giuro, eh, G I U R O)
      :-) Elena

      Elimina
    3. I preparativi me li sto godendo un sacchissimo, se ti va passa a trovarmi sul blog che tra una scemata e l'altra racconto dei preparativi!
      Considera che sono una sposa cicciosa... e nonostante questo ho trovato un abito S T U P E N D O a poco ( e me lo cuciono addosso, niente campionario). Le calze pefforza, è a giugno il matrimonio e ci sposiamo in un meraviglioso posto al fresco( sì, il vestito l'ho comprato con anticipo lo so, ma che ci posso fare, sono entrata a giocare a fare la modella e è stato ammore!)... Per l'intimo io ho il problema opposto, devo sostenere le tettone, ma seguirò i tuoi consigli, mi farò un giro da intimissimi! perché hanno dei baby doll che fermate e costano poco!
      Le scarpe boh?! Pensavo ad un open toe con un tacco quadrato e il plateau!
      Grazie!
      V.

      Elimina
    4. Beh, le scarpe mesi prima autorizzano la tecnica Becky Bloomwood: ogni occasione è buona. "Sono Loro." Per quel mese...

      Elimina
    5. ho clikkato sul tuo nickname ma mi dice che non ho l'autorizzazione per accedere.. o qualcosa del genere. presumo, eh.
      come si fa??
      Elena

      Elimina
    6. non lo so perché... ti copio il link! Mi perdoni la scrittrice di questo blog per lo spam! Cmq Oggi Mordo, sei un geniaccio ( ancora rido ripensando al post sul corso prematrimoniale.... che io inizio lunedì)!
      V
      http://ommiodiomispos.blogspot.it/

      Elimina
    7. Ma quale spam! Le conversazioni sono fatte anche di link...anche io ti sto leggendo!

      Elimina
    8. Mi sento moltissimo onorata! :)

      Elimina
    9. io mi sono sposata sabato scorso e avevo le scarpe azzurre :-)
      scarpe che rimetterò, ovviamente in quanto dotate di tacco che supera il 12!
      spesa: 100 €

      Elimina
    10. Che belli i commenti sui preparativi :)
      Io al corso mi sono data malata per 2 volte e quasi addormentata 1, praticamente ero un 6 in condotta...
      Vestito comprato a febbraio per giugno, e mi sentivo gia un sacco in anticipo (tra l'altro...non per farlo apposta, ma ho preso - giuro - proprio quello che entrando mia madre ha guardato dicendo "tutti ma non quello"). Scarpe Loubutin tacco 12, la serie bride tutta tempestata di cristalli (praticamente cenerentola) ho speso una vergogna, ma continuo a metterle! Intimo sposa...Intimissimi. Intimo prima notte: pigiamone in cotone a righe...Ah...che bei ricordi...

      Elimina
    11. Quindi è CONFERMATO che la prima notte di nozze niente intimo perché sei talmente stanca che non la molli manco a pagamento nèèèè? Posso farlo stampare sulle magliette?

      Elimina
    12. A parte che il fotografo mi ha fatto arrampicare su una scogliera in tacco 12 come fossi un camoscio quindi avevo problemi anche di acido lattico (a fiumi). Poi...si, sei stanchina. Io testuali parole gli ho detto "ti amo tanto, tanto carino, ma se allunghi una mano mi attacco al soffitto come i gatti". Amen. Fai stampare la maglietta e mettitela al posto del baby doll!

      Elimina
    13. ragazze non scherziamo, stanca stravolta e distrutta MA LA PRIMA DI NOZZE SI FA ALL'AMORE! Quando mai ti ricapita di farti togliere il vestito più figherrimo che avrai nella tua vita?!?! Io comunque intimo di intimissimi e dirò di più: il reggiseno ce l'avevo già da un po' e non era nemmeno nuovo

      Elimina
    14. Oggi Mordo, fidati: il vestito da sposa e' l'oggetto piu' afrodisiaco che esista...SESSO E DI GRANDE QUALITA' per quella notte, fidati!!!! e viene meglio da ubriachi e distrutti.

      PS. scarpe da sposa? sia mai! Appena scelto il vestito ti vai a comprare le scarpe dove ti pare con buona pace dell'Atelier. Che poi io ho comprato il vestito 10 giorni prima del matrimonio (vengo da lontano e le ferie sono quelle che sono...) senza problemi e con grande divertimento!

      Elimina
    15. ...sono una sposa anomala...mi sono scordata di dirvi che nel letto accanto al nostro dormiva anche nostra figlia di mesi 11...:) che ci ha pure accompagnati in viaggio di nozze. Tutti i giorni sveglia alle 6. Ma è stato bello...

      Elimina
  8. Amo mio marito ma col piffero che gli avrei fatto organizzare tutto da solo. Giammai! Per il tema scarpe da sposa io mi sono comprata delle decollete colore nude di Sergio Rossi: budget da sposa per scarpe non da sposa. Suggerisco a te di fare altrettanto al momento opportuno ;)

    RispondiElimina
  9. Non so come se la sarebbe cavata mio marito x quanto riguarda l'abito e le scarpe, anche se ammetto che ha buon gusto. ma mai e poi mai avrei cmq permesso che me lo scegliesse lui, mai, mai, mai!

    RispondiElimina
  10. Ora provo a guardarmelo in streaming questo programma! Uffa, dovrei sposarmi l'anno prossimo e ho ZERO voglia di preparativi. Magari dovrei iscrivere il mio fidanzato a questo programma...

    RispondiElimina
  11. Ok, hai espresso con fantastica ironia ciò che penso del programma e delle scarpe da sposa... E SI, hai matrimoni si va soprattutto per il momento alcolico che c'è in ogni matrimonio che si rispetti :)

    RispondiElimina
  12. nemmeno io farei organizzare tutto a lui: credo sia molto bello farlo assieme. E convengo per le scarpe. Io vorrei delle louboutin, almeno per la cerimonia!

    http://freya-sunshine.blogspot.com

    RispondiElimina
  13. Conosco, per vie traverse, una che ha partecipato alla versione italiana... dico solo che non avevano neppure PARLATO bene di sposarsi, han fatto il provino così per provare... poi una si lamenta se il fidanzato impazzisce! Quando vanno a comprare l'abito da sposa mi fanno pena poveracci, come possono capire la differenza tra lo chiffon ed il tulle??!

    RispondiElimina
  14. Esilarante!!
    Ho sempre pensato anche io che se avessi partecipato avrei scritto tutto da qualche parte e avrei istruito il futuro sposo per mesi. Ma non sono programmi per noi, figuriamoci!!
    A proposito di scarpe da sposa, lui ne fa di bellissime e a prezzi abbordabili (e dopo il matrimonio te le tinge anche del colore che vuoi!!): http://www.francesco.it/prod.php?idcat=1&idscat=9&idl=2&lang=it

    RispondiElimina
  15. Dopo aver visto un paio di puntate prendo il cell, chiamo il mio ragazzo e con voce da dittatore sudamericano gli chiedo: "Saso che taglia porto di vestiti!"
    Ha risposto e ha salvato 4 anni di fidanzamento! ;-)

    RispondiElimina
  16. Io mi domando come, dopo tutto questo, non si lascino o divorzino subito dopo il "sì"!

    RispondiElimina
  17. Credo sia la più grossa forma di tortura che si possa fare a una donna. E allo stesso tempo il modo più semplice per mostrare come gli uomini siano incapaci di organizzare qualsiasi cosa, se non il calcetto del martedì sera.

    RispondiElimina
  18. Io soffro sempre quando lo guardo... e non capisco nemmeno perché lo guardo. voglio dire, ormai i programmi sono tutti uguali, manca solo un reality con due stronzi che rovinano il matrimonio alla sposa (ma con quesito ci andiamo vicini eh)... che poi fan fare delle figure di merda agli uomini, dipingendoli come degli zulù...del tipo "quali scarpe prendo, quelle belline, col tacco, fini ed eleganti o quelle pacchiane, brilluccicose con la punta a siluro! Ma quelle con la punta a siluro dai!!" non ci credo, non possono essere COSI' scemi!!

    RispondiElimina
  19. Quello Italiano non l'ho ancora visto... ma quello UK l'ho visto... e l'altra sera sono rimasta scioccata quando uno sposo sapeva benissimo quello che desiderava la moglie... ma faceva l'opposto perchè voleva farle capire che nella realtà non è come nelle fiabe...
    Io uno così lo avrei mandato a quel paese SUBITO!

    RispondiElimina
  20. Anche io mi sono sempre chiesta perchè le scarpe da sposa facciano così schifo! Ah, pensavo di essere l'unica pazza ad avere un quaderno per il matrimonio con tanto di foto, disegni, partecipazioni di amici. Oddio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma in quali negozi sei andata?? Al mercato dell'usato per caso?

      Elimina
  21. Le mie scarpe da sposa non facevano per niente schifo(modello chanel di raso bianco e aperte davanti)riutilizzabili per altre occasioni e ne ho viste tantissime stupende e altre meno sta tutto nello scegliere... Comunque è evidente che dici solo un mucchio luoghi comuni. E che non ti sei mai sposata. Ho visto un paio di volte il programma e mi ha fatto sorridere anche se personalmente non avrei mai partecipato. Il matrimonio è una cosa seria e cmq nella puntata di ieri non mi pare proprio che le spose siano andate in grandi atelier anzi...
    ciao

    RispondiElimina
  22. Questo post è fantastico!!! soprattutto finalmente qualcuno ha sollevato la questione che tanto mi tormentava e che proprio non riuscivo a spiegarmi, ovvero: TU DONNA che sei tanto esigente e che giustamente vuoi una giornata, non dico perfetta, ma almeno carina perchè diavolo non hai scritto una lista di cose da fare in ordine di scadenza, magari con allegata una foto dell'abito che vorresti?? perchè??
    In ogni caso io mi faccio quattro risate quando guardo questi programmi, e la cosa che amo di più, è mettermi sul divano con mia sorella a criticare gli abiti da sposa :) non c'è nulla di meglio!!

    RispondiElimina
  23. Questo programma è troppo assurdo!!A conferma della farsa che è poi ho notato che tutti i futuri mariti non hanno mai mamme o genitori accanto al mattino durante i preparativi, cosa non certo tipica del maschio italiano!!!E poi solita storia del budget ,non hanno soldi per lingerie e scarpe,dimenticano totalmente fino al fatidico giorno trucco e parrucco x la sposa però per sto k...o di addio celibato fiumi di champagne e spogliarelliste che richiedono fino alla META' del budget!!!che tristezza...e poi è ovvio che riescano ad organizzare tutto in 3 settimane,si sposano tutti in settimana CHI VUOI CHE VENGA!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda che se vuoi partecipare ad un matrimonio puoi anche chiede permesso al lavoro e quindi riuscire benissimo ad esserci qualsiasi giorno della settimana. Non so che genere i maschi italiani conosci ma una parte di quelli che conosco io convivono o vivono per conto loro ed è difficile trovare la mamma al mattino...

      Elimina
  24. Ho avuto un primo matrimonio durato solo tre anni.
    Mesi e mesi di preparativi per rendere la giornata speciale e perfetta, ma il fatidico giorno è andato tutto storto: pioggia, la parrucchiera che non viene a casa (ho dovuto andarci io, mi ha rilavato i capelli lavati da lei il giorno prima, ed ho rischiato di far tardi in chiesa, inoltre l'acconciatura mi stava malissimo ed era piena di lacca appiccicosa), la chiesa buia (il prete non ha acceso le luci), il testimone di mio marito mezzo ubriaco che continuava a borbottarmi: ridi, ridi, dopo piangerai!, il posto dove dovevamo fare le foto era chiuso (castello di Duino), invece del fotografo bravissimo con la quale avevo preso accordi si è presentata la figlia inesperta (non vi dico che m***a di foto ho!), il vestito che mi si è strappato al pranzo ed ho dovuto cucirmelo da sola (porta sfiga), gli ospiti che avevano da ridire sul cibo, il marito che non ho praticamente mai visto perchè si divertiva a suonare ed a bere con gli amici, ed altre piccole cose che mi hanno reso la giornata la più brutta della mia vita!!!
    Ho così capito quanto sia inutile spendere tanti soldi per una giornata che dev'essere comunque solo per gli sposi, gli altri non contano nulla.
    Così, per il secondo matrimonio, ho organizzato tutto in un mese, spendendo pochissimo (solo per il vestito mio e di mio marito, il fotografo e gli oggetti per le bomboniere che ho confezionato da sola). E' stato celebrato in comune: io, mio marito, mia figlia testimone per me, il suo ragazzo testimone per mio marito. Punto. Poi siamo andati in un ristorante senza troppe pretese dove, però, abbiamo mangiato benissimo ed a sazietà! E ci siamo divertiti un sacco!
    Ero vestita così: maglietta azzurra aderente, pantaloni beige, giacca beige con cintura in vita e cappuccio con bordo in pelo di volpe finta ma verosimilissima e bouquet di rose variegate di verde, bellissimo.
    Consiglio a tutte un matrimonio semplicissimo e poco costoso, perchè l'importante è sposarsi con la persona amata e far andare al meglio il proprio matrimonio negli anni. Il resto non conta, gli altri non contano!!! Serena.

    RispondiElimina
  25. In risposta alla persona che ha scritto il messaggio, scusa tanto ma in 3 settimane uno riesce benissimo a organizzare un matrimonio. Non è detto che devi prenotare il vestito e il catering un anno prima. Io non ho mai visto in quel programma spose con i boccoli se non il giorno del matrimonio, per quanto riguarda il quaderno con gli appunti sono d'accordo. Vorrei sapere dove vai dal parrucchiere se non bastano 3 settimane per prenotarlo.
    Dal mio basta che vado 2 settimane prima per comunicare che mi serve l'acconciatura per quel giorno stabilito. 15.000euro sono sufficenti anche in Italia per organizzare tutto quanto anzi volendo esce pure il viaggio di nozze a meno che uno non inviti tutto il paese e quando mai hai visto in quel programma comprare un vestito di seconda mano per la sposa?

    RispondiElimina
  26. ma tutta questa drammaticità che mettete non l'ho vissuta.
    Ho avuto vestito, chiesa, ristorante, fiori etc. ma senza spendere un salasso, senza patemi, senza esagerazioni. Non ho mai sognato il matrimonio e non ho mai mai compilato uno stupido quaderno della sposa. Mia mamma e mia suocera non si sono impicciate e mi sono arrangiata in tutto. Le scarpe non si sono macchiate o rovinate con momenti alcolici (perché poi??) e ci sono tutt'ora e.. no non sono più mettibili. Sono da sposa! Normale decolleté (detesto la cafonaggine dei sandali con un abito da sposa) non bianche ma champagne fatte con lo stesso tessuto del vestito appositamente per me. Costo? Lo stesso di un normale buon paio di scarpe con cuoio e pelle.
    Suvvia, potete fare di meglio e spendere meglio. Nel giro di dieci anni il matrimonio è diventato un baraccone, un'esibizione. Si pensa meno a ciò che conta per farne uno spettacolo per gli invitati.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...