Cerca nel blog

Post in evidenza

giovedì 11 ottobre 2012

50 sfumature di rosso


Naaah, non è quello che la metà di voi sta pensando.
Sì, è quello che sta pensando l'altra metà.

Non parlerò di un libro (o tre, a seconda di quanto ci vogliamo male) che mi rifiuto di leggere.
Posso affermare tranquillamente che non sono per niente snob nella lettura: leggo di tutto, da Sophie Kinsella a Bulgakov, da Kay Scarpetta a Bukowski. Senza necessariamente capire tutto, però non mi dò limiti. Ho molto tempo a disposizione, viaggiando in treno, quindi consumo pagine a volontà. Di solito scelgo i libri in biblioteca in base al titolo e alla copertina, quindi non sono ufficialmente una difficile.
Ma questo no.
Cinquanta sfumature di come anni di lotte femminste possano finire nel cesso, non ce la posso fare.
Non è per la trama, è per la campagna di marketing che ci ruota attorno. La trama è banale, dagli estratti che ho letto la scrittura stessa usa termini banali (possibile che i capezzoli possano solo inturgidirsi?). E' per il successo che ha avuto.
Alle donne piace il sesso. Sai che scoperta. Alle donne piace leggere di sesso, la Harmony ne sa qualcosa. Ma io esigo che sia scritto bene. Anni fa, quando GQ era ancora un mensile per uomini con le palle, sotto la direzione di Michele Lupi, venne introdotta una rubrica di racconti erotici più o meno spinti. Bastava una pagina sola e SBAM! Non era il caso di produrre una trilogia di banalità.
E vogliamo ricordare il successo de I Pilastri della Terra di Ken Follett? Qualcuno ricorda la trama o l'ambientazione? No, solo che c'erano delle scene da paura. Perciò Mr E.L. James non ha inventato nulla di nuovo. Ma il suo ufficio marketing sì. Più che un caso editoriale, ha creato un caso di marketing: come immettere sul mercato e vendere milioni di copie di nulla.
E la figura da piccola casalinghe frustatefrustrate che vogliono farci fare mi fa parecchio incazzare. Ad aggiungere la ciliegina sulla torta, queste ohibò casuali dichiarazioni delle nostre vippette locali su come-dove-perché-con-chi fanno sesso. In particolare le madri di famiglia. Avete notato il fiorire di dichiarazioni puntalmente riprese dalla nuova frontiera del gossip, Corriere.it? Lorella Cuccarini, tu quoque ti sei prestata al gioco. Hai 4 figli, immaginavo che non fossi vergine. Tu, mia musa e sogno della mia infanzia, cadere così in basso... Antonellina, sei tanto cara, ma la visione di te vestita di latex mi fa accapponare la pelle. Soprattutto se poi con le stesse mani arrotoli i tortellini su Rai1 oppure fai cantare i bambini la sera. Brrrr! E grazie, girazie! Justine Mattera per averci rivelato che stai con tuo marito a forza di pompini.

Quindi, il tema del post è un altro.

Volevo scrivere un post sui rossetti rossi, ma ci ha già pensato la divina Clio. E un altro centinaio di altre persone. Vi siete accorte che quest’anno va il rosso sulle labbra?

In più ho già disseminato in diversi post precedenti tutti i miei prodotti preferiti…
Quindi rinuncio in partenza e faccio un bel mesh up.

Ho le labbra di base abbastanza scure, o forse la mia carnagione è talmente chiara da fare sembrare le labbra scure, e ho avuto i denti storti per anni, motivo per cui non mi sono abituata a usarlo e quindi metto il rossetto raramente. E sono pigra, perciò non mi ricordo mai di ritoccarlo dopo avere mangiato.
Quelle rare volte che mi piglia lo schiribizzo, lo metto rosso.

-flash back - Ricordo esattamente il giorno in cui ho tolto l’apparecchio per i denti (non è stato poi molto tempo fa): è il giorno in cui mi sono comprata un rossetto rosso di YSL.

Quindi quest’anno sciambola, c'è solo da scegliere.
Qui vedete la selezione fatta da Clio:



Il consiglio della Divina, che dovete tatuarvi sul portafoglio e sulla Carta Black di Sephora, è: non prendete il primo rosso a caso. Se è vero che il rosso non è per tutte, è vero anche che c’è un rossetto rosso per tutte noi, basta cercarlo. Ed è più facile che trovare il principe azzurro.
C’è un rosso per le more, le bionde e le rosse, uno per la carnagione abbronzata e uno per le pallide.
L'unico colore che non sta bene con il rossetto rosso è il verde ho-appena-vomitato.

E, se non lo trovate, potete fabbricarvelo mescolando diversi colori.

Ricordatevi che le luci dei negozi sono state montate appositamente per farvi sembrare scialbe, quindi uscite e guardatevi alla luce del sole (o della nebbia se siete a Milano).

NB: la proposta 1 di Clio si trova qui:
http://www.sephora.it/Make-up/Labbra/Gloss/Rouge-Pur-Couture-Vernis-a-Levres/P765110

Non ho provato la nuance specifica, ma un paio di altre e confermo l’effetto semi lucido e duraturo.

Una cosa da sapere sui rossetti rossi (e scuri in genere) è che tendono ad assottigliare le labbra. Perciò, se le avete già sottili, potete cercare di correggere l'effetto ottico allargando i confini con la matita.
ATTENZIONE: dovete essere molto brave, altrimenti sembrerete Moira Orfei appena uscita da una seduta di trucco permanente, che fa molto errori anni '90. Tra questo rischio e le labbra sottili, direi che non c'è storia.

Qui trovate un video di una famosissima make up artist, Lisa Eldrige, in cui replica il make up di una copertina di Kate Moss. L'effetto "espansione" è sorprendente.



Un' altra cosa che bisogna sapere, è che il rosso si nota, aspettatevi dei commenti. La gente non riesce a esimersi dal dirvi: "Ehi, hai messo il rossetto!" e banalità simili. Preparatevi delle risposte pronte tipo "E anche le mutande!" "Così smetterai di cercare di limonarmi in ogni momento." e tiratele fuori al momento meno opportuno. Questo limiterà le uscite future.

Un' ultima cosa, il rossetto rosso vi darà un'aria intelligente. Perché per la paura che vi finisca sui denti, resterete il più possibile zitte e con le labbra chiuse, anche leggermente increspate, evidando di dire minchiate.
Fidatevi, con me funziona.






Mmm!

25 commenti:

  1. Ahahaha mai letto niente di più vero.
    Sul libro intendo, perchè sul rossetto non faccio testo dato che mi piace un casino sulle altre ma quando me lo provo non vedo altro che una battona. Che forse è ancora peggio che sembrare Moira.
    Anche se in realtà non ne sono tanto convinta.

    RispondiElimina
  2. Ah Beh! L'effetto puttana lo davo per sottinteso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazzo. Quanti anni sprecati inutilmente..

      Elimina
  3. Posso dirlo?!
    IO TI AMO!
    Ok, la prima parte del post quello sul "libro" ( sì perché ti ci voglio a leggere quella superminchiata) è geniale e riassume la mia idea: CHE SCHIFO! In più l'autrice ha detto che questo "capolavoro" glielo ha ispirato twiligth... mo, un po' di schifo me lo sarei aspettato! NO l'ho comprato, né lo comprerò, anche perché ho sbirciato in quello della signora vicino a me in treno e ho rivalutato i romanzi rosa di mia nonna!

    La seconda parte l'ho adorata, mi sono appena comprata ( guardando una puntata della Divina) una tinta per le labbra che è una meraviglia e dura... quindi essendo pigra non me lo devo stare a ritoccare millemila volte.
    Ho accennato al fatto che ti adoro???
    V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ti voglio bene anche solo per il tuo nickname.

      Elimina
  4. era...NO, NON L'HO COMPRATO, ovviamente

    RispondiElimina
  5. hahaha, che mitica!
    ora me lo compro, un rossetto rosso-viola, e poi sto zitta tutta la sera, magari funziona anche con me

    RispondiElimina
  6. eh, il rossetto rosso andava anche fine anni 80/inizio '90:
    una volta un simpaticone che voleva farmi fare una magra figura mi fece subito notare che avevo il rossetto sui denti, e io gli ho risposto: grazie di avermelo detto, pensa se mi vedeva QUALCUNO !
    non è necessario passare tutta la giornata in silenzio ! ;)
    GG

    RispondiElimina
  7. Ahah l'unico modo per non farmi dire minchiate è mettere il super attak al posto del rossetto.
    Comunque ti stimo!

    RispondiElimina
  8. ammetto di aver dato una mezz alettura al libro, e persino di averlo scaricato, mi rifiutavo di pagare quella che ero certo fosse una ciofeca (come direbbe il grande totò) e credo sia la prova lampante di quanto poco conti la proprietà di linguaggio e una trama e personaggi intensi e avvincenti rispetto al marketing...
    credo che abbia un solo unico pregio questo orrore di libro, aver sdoganato la letteratura erotica dagli scaffali più nascosti della libreria fino addirittura al banco delle caramelle dell'autogrill, e per chi si diletta nello scrivere di eros non può che essere un piacere, certo reso amaro dalla qualità veramente infimia dell'opera...
    ma mi chiedo, trovarne un oscritto un tantinello meglio no?

    RispondiElimina
  9. Sottoscrivo tutta la prima parte sul libro delle sfumature...ho idea che lo abbiano adorato ttutti quelli che leggono 3 libri l'anno!!Anche io come te divoro di tutto!!
    Ma questo per ora non mi ha nemmeno incuriosita!!
    Magari poi tra qualche mese cambio idea!!
    Per il rossetto rosso,dato che mi piace molto sulle altre e poco su di me,ho deciso che qualcosa di quel colore lo dovevo avere e ho puntato intanto su un bottega verde effetto diamante rosso...per ora lo metto e mi piace,magari a Natale mi regalo uno Chanel!!!

    RispondiElimina
  10. ho comprato un rossetto rosso eccezionale ! pero il video di clio lo guardo lo stesso che nn sia mai che imparo a mettermelo decentemente! io amo leggere e come te mi rifiuto di leggere quei libri..che poi sono libri? e quelle che dicono che sono bellissimi mi lasciano assai perplessa! sarà .. !
    intanto io mi leggo Zafon e poi chissà! consigli?
    kiss!

    www.pursesinthekitchen.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Joyce Carol Oates, TUTTO. Io ho amato spassionatamente "Per cosa ho vissuto".

      Elimina
  11. Più rossetto rosso per tutti!! :-D

    RispondiElimina
  12. Condivido..io frequento la biblioteca,con il mio bimbo di due anni ho riscoperto il fascino della lettura varia & gratis!! ( guardo la copertina e sbircio l'intro...al max, restituisci/cambio velocemente..) per quanto riguarda il makeup,ho rossetti di un rosso improbabile a disposizione(mio marito lavora in oreal) ma a parte il lobello, tutto il resto mi fa sembrare una battona! Danila

    RispondiElimina
  13. Le osservazioni in conclusione sono davvero sagge!
    Comunque per me la Divina è Lisa Eldrige, Clio è ben lontana da lei!

    RispondiElimina
  14. Io leggo davvero di tutto, della serie passare la notte sveglia per finire un libro perchè aspettare il giorno dopo per sapere come finisce non sarebbe lo stesso, e ho iniziato la trilogia 50 sfumature..sì iniziata, perchè portarla a termine è un'impresa impossibile!tre libri troppo, troppo ripetitivi!ma nonostante non ne sia stata fan trovo assurdo tirare in ballo il femminismo!solo perchè questo è quello che ha detto Studio Aperto (e simili) per presentare il libro a inizio estate(grande operazione di marketing, come già è stato detto)!e giù tutti a ripetere le stesse frasi!senza prendersi la briga di andare almeno a leggere la trama!perchè in fondo si tratta solo di una storia d'amore (fantasiosa,ridicolamente assurda e scritta malino)con due e dico due episodi..come dire..audaci!nel primo libro!fine della storia!da lì in poi il nulla!tirar fuori il femminismo per delle sculacciate mi pare assurdo..nel privato che ognuno faccia quello che gli pare!detto questo amo il rossetto rosso, finchè lo vedo esposto in vendita..ma addosso è diffile non cadere nello zoccola's style!A parte per Clio, lei può tutto...:-)

    RispondiElimina
  15. Io non riesco a capire come questi libri possano avere tutto questo successo!Incuriosita ne ho letto un estratto e la scrittura fa venire i brividi da quanto è ripetitiva,noiosa e banale.La veritè è che,come dici tu,il marketing fa tutto e sembra quasi che da quando è uscito questo libro,inizi l'emancipazione delle donne sul sesso.
    L'altro giorno volevo trovare un libro da leggere e praticamente tutte le nuove uscite sono libri erotici per donne,mai visti così tanti.È veramente triste pensare che le persone si facciano così influenzare e che scrivere libri non è più una passione,ma una corsa a trovare l'argomento "in" del momento.Che poi dai,cani e porci scrivono libri ora!

    http://onlyastorminacoffeecup.blogspot.it/

    RispondiElimina
  16. ammetto di aver comprqto e letto la trilogia. Ebbene sì. e lo dico a cuor leggero, ho la coscienza tranquilla, so perfettamente che è una minchiata astrale ed è scritto malissimo. La trama è di una banalità sconcertante, ma tant'è... quel che è fatto è fatto. E qualche bruciore lo fa venire, anche se... come dire... mi sarei aspettata molto di più... avrei voluto molto di più, l'appetito vien mangiando, come si suol dire. Però adesso mi vergogno ad averlo in casa, non voglio che accanto ai miei libri - quelli veri, degno di questo nome- figuri anche questa trilogia. E allora ho deciso, lo vendo al mercatino dei libri usati. Sono sicura di ricavarci almeno il costo di un bel rossetto. Tiè!

    RispondiElimina
  17. "possibile che i capezzoli possano solo inturgidirsi?"

    Questa frase è uno dei 10 motivi del perchè tu sei parte integrante della mia blogroll.

    eh.

    RispondiElimina
  18. io sono praticamente passata dal non mettere mai il rossetto ad averne comprati 3 rossi in pochi mesi. Ho diverse tonalità e textures a seconda del contesto e mi chiedo come ho fatto a vivere tanti anni senza il rossetto rosso. La mia chicca per farlo durare? Prima metto il pennarello della maybelline come base (lipstain) e poi vado di rossetto: ha resistito a un matrimonio con aperitivo e cena annessi con 40 gradi. Le mia amiche avevano il trucco colato io alle 2 di notte avevo la faccia intatta

    RispondiElimina
  19. Fino a qualche anno fa non mettevo mai il rossetto. Ero convinta che i miei colori e tratti da nordica o affine (domande di routine: sei per caso mezza francese/inglese/tedesca/irlandese?) : pelle porcellana, occhi chiarissimi, labbra sottili, mi facessero somigliare ad una Moira Orfei un pò più giovane. Poi ho comprato un rossetto ROSSO. Ma non è un rosso fuoco nè troppo scuro. Ho trovato la tonalità perfetta. E' della Deborah, rosso ma non troppo, non mat, non opaco, luminoso, un corallo. Perfetto per i miei colori. Da allora lo tengo sempre in borsa.
    C'E' UN ROSSO PER TUTTE.

    RispondiElimina
  20. Il rossetto rosso acchiappa di brutto e ci fa più fighe. Ogni volta che lo metto fioccano i complimenti, e ancora di più commenti positivi e like nelle foto su fb.

    RispondiElimina
  21. Il rossetto rosso acchiappa di brutto e ci fa più fighe. Ogni volta che lo metto fioccano i complimenti, e ancora di più commenti positivi e like nelle foto su fb.

    RispondiElimina
  22. ahahahahhha...il rossetto rosso è un must..come le mutande! ahahahah

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...