Cerca nel blog

Post in evidenza

venerdì 11 febbraio 2011

Un giro sul tagadà

Fine seconda settimana nel nuovo ufficio.
Ah, mi ero dimenticata di dirlo?
Beh, ci siamo trasferiti. Il fatto è che sono ancora un po' frastornata e la mia produzione di post ne ha risentito.

E' incredibile come il mio corpo si sia immediatamente abitutato al cambiamento e la mattina si posizioni in automatico alla fermata del tram e non del bus, all'uscita della metro.
Invece la mia testa è come appena uscita da un giro su quella giostra anni '80 che oggi non c'è più, molto simile a un frullatore. Lo ammetto: sono pigra e abitudinaria, i cambiamenti (soprattutto quelli imposti) mi irritano. E conoscendo il mio livello abituale di acidità, immaginatevi come sono stata in queste settimane.

Per fare ordine nel mio grande loft mentale, ho fatto il gioco lati positivi/lati negativi, ecco il risultato:


- è una versa sede. Non uno scantinato riadattato (sebbene in maniera originale) come la precedente. E' un signor palazzo, 4 piani, ascensore, tutto nuovo. E' la prima volta che lavoro in un ufficio nuovo&bello e non riadattato&ristrutturato in qualche modo.
Bellissimo per fare rappresentanza. Peccato che io non incontri MAI nessuno da fuori.

- i primi 4 giorni non avevamo il boccione dell'acqua. Le Risorse Umane ci hanno fatto la sorpresa di offirci la colazione di Californa Bakery, ma per quanto sia buona, provate voi a mangiare 3 pezzi di torta a secco. Ho meditato di bere l'acqua dei water. Seriamente.




- la sala relax/macchinette è talmente lontana che ti passa la voglia di andarci.Ovviamente è tutto studiato. Non ci si arriva neppure tramite una scala, ma attraverso 6 rampe, dico 6, per i disabili. Roba che se sei un disabile in caso di incendio, fai prima a buttarti dalla finestra o a darti fuoco e chiuderla lì.

- c'è un terrazzo stupendo con vista su Milano. Bellissimo se è casa tua, un po' meno fruibile se tu lavori come uno schiavetto al piano di sotto. Quante feste può fare una azienda, una all'anno? Zero, una?

- il primo giorno, al mio piano, siamo stati accolti da questo:

Astenersi commenti sulla qualità della fotografia



- siamo 10 minuti più lontani da dove eravamo prima. Beh, direte voi, mica male. Dipende da dove è il vostro punto di partenza. Io facevo già 1,30h di viaggio, quindi adesso diventa 1,30+10 minuti. Di cui gli ultimi a piedi, perché nessun mezzo ferma a meno di 400m dall'ufficio. Evviva i tacchi!!!

- le nostre pause pranzo sono tutte uscite strategiche in esplorazione dei cibifici circostanti, finora tante inculate e una sopresa positiva. Il primo posto nella five ten (5 posti ci sono in un raggio che non mi faccia venire le vesciche ai piedi) per ora è occupato da un pub. Hamburger e patatine fritte a gogò. Le mie cosce ringrazioano, il mio fegato è già in scipero.

- siamo divisi su 3 piani laddove prima eravamo in un unico grande spazio. Non è necessariamente negativo, ma ho perso tutti i contatti con le persone con cui mi divertivo. Ci hanno assegnato le scrivanie in base ai team, nel mio siamo in 3, due sono sempre fuori, ergo sono DA SOLA.

- al mio piano c'è una temperatura tropicale. Il che va benissimo nelle giornate primaverili, quando ti puoi vestire leggera e uscire con la giacca pesante, ma quando fuori fa -10°, come faccio ad andare in ufficio con una canottierina di voile? E poi per forza mi viene la bronchite!

 E adesso passiamo ai lati positivi:

























Beh, prima o poi ne troverò.

4 commenti:

  1. Oh che bella la colazione della california bakery, per l'altro ufficio ci avevano dato un girasole.. Dai, è andata meglio!

    RispondiElimina
  2. LAVORIAMO NELLO STESSO POSTO!!!!!

    RispondiElimina
  3. ...lo sto realizzando in questo preciso istante.

    RispondiElimina
  4. Ahahahahahahahaaaaah

    No dico solo

    AHAHAHAHAAAAAAHHAHAHAHH

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...