venerdì 6 aprile 2012

Back to basics

--- Attenzione: questo è un post ad alto contenuto di estrogeni. Uomini, non vale la pena di andare fino in fondo. E no, non è scritto in sanscrito, è solo come quando voi parlate di  Suzuki 1000 ottomila cavalli versione sarcazzo eh? ---

Dopo il primo post sui prodotti Maddài, ho scoperto che c'è gente che non ne sa veramente a pacchi e, incredibilmente, che mi ha chiesto dei consigli. A me? Io non ho consigli da dare, il massimo che posso fare e condividere quello che faccio io. Quindi ecco il mio post sulla base del make-up, sulle fondamenta, sulla rampa di lancio, secondo la mia personalissima opinione.

Prima che anche a una sola di voi venga in mente di prendere sul serio quanto segue, vi prego di leggere il mio cv: ho imparato a truccarmi guardando la mia mamma. Fine. Stop. Questa è tutta la mia esperienza. Potreste sempre soppesare questa informazione con il fatto che guardavo la mia mamma negli anni '80 e '90 e sono sopravvissuta egregiamente. Anni '80, ho detto, quelli in cui si faceva uso smodato di ombretto fucsia e azzurro puffo insieme. E anni '90, quelli in cui la matita più scura sul contorno labbra era talmente un must che c'è gente che se l'è tatuata. E mo' te la tieni!
Quindi, riassumendo: non sono una professionista, non ho fatto corsi, non so truccare altro che me stessa. Non ho mai pensato di essere particolarmente brava finché qualcuno mi ha detto che ho una pelle bellissima. Che non è vero penniente, quindi significa che maschero bene.

Fatte le dovute premesse, potete leggere il seguito.

Iniziamo con qualche regoletta:

Per andare alle scuole elementari del make up, bisogna comprare i pastelli buoni e il righello, ovvero gli strumenti. Io a casa ho uno specchio di quelli rotondi che ingrandiscono e mi sono fatta mettere in bagno metà luci fredde e metà calde. Diciamo che l'effetto è un po' strano, soprattutto per Padre Mordo che fa l'elettricista e ha le convulsioni ogni volta che entra in bagno, ma è molto utile. Perché? Perché le luci in tutti i bagni degli uffici e nei camerini dei negozi sono fredde (bianche) e quindi è così che vi vedrete a scuola/in ufficio. Non è la vostra pelle verde, sono le luci. Le luci calde (direi più gialle, non saprei come descriverle) sono quelle che di solito avete a casa. Vi siete mai chieste perché mezz'ora prima a casa sembrate Julia Roberts in Notting Hill e mezz'ora dopo in ufficio siete diventate grigie come il golfino di cachemere? Ok, a Milano lo smog ha i suoi effetti, però non sono così devastanti! La differenza è fatta dalle luci. Avere entrambe vi permette di essere più equilibrate nelle scelte. Che alle 6 del mattino aiuta.

Dopo avere sistemato la cartella, introduciamo la prima regola di Oggi Mordo: la tua faccia ti porterà alla tomba. Nel senso che, salvo attacchi di chirurgia plastica acuta, la faccia che abbiamo è quella e quella ci dobbiamo tenere.  Accettiamo i difetti (seeeh!), ma soprattutto impariamo a valorizzare i pregi! Evidenziare quello che è bello distoglierà l'attenzione dai difetti. (A parte i baffi. Quelli ve li fisseranno tutti.) E non è vero che invecchiando può solo peggiorare (guarda un po' come cambia il punto di vista quando entri negli -enta...), a patto che si sono fatti tutti i compiti da piccole.

CUT--- papparedella sull'importanza dell'alimentazione e dell'idratazione --- tutta roba in cui credo fermamente ma che non avete voglia di sentire. Adesso mangio un po' di pane&Nutella.

Per compiti intendo: non usare prodotti troppo aggressivi, dannosi o in generale non adatti.
E qui entra la seconda regola di Oggi Mordo: conosci la tua pelle. Che è una variante cosmetica del famoso Γνῶθι σαυτόν, gnôthi sautón, iscritto sul tempio dell'Oracolo di Delfi. Conosci la tua faccia da circa una ventina/trentina di anni, chi meglio di te sa cosa vuole e può sopportare? La risposta è dentro di te.

Altra regola: siamo realiste. Non pretendiamo che una crema pialli le rughe di una vita, che un fondotinta mascheri il campo minato che ci siamo procurate schiacciandoci tutti i punti neri venti minuti prima di uscire, che il mascara faccia diventare ciglia così forti da provocare uragani a ogni battito. Le pubblicità sono finte. Da anni mi batto (batto sul petto, nulla di più) perché le pubblicità dei prodotti cosmetici non siano ritoccate e perché i test tanto decantati siano condotti su più di 20 donne. Cioé, maddai, venti donne posso intervistarle in 10 minuti alzando il telefono, che cazzo di prova è, mia cara casa cosmetica? E in più, le pubblicità sono scattate 6 secondi netti dopo che il make up artist ha posato l'ultimo pennello, mentre noi stiamo fuori casa almeno 12 ore. Quindi, come ho già detto, facciamo il possibile, ma accettiamo il fatto che dopo venti minuti che siamo uscite di casa la nostra faccia ha iniziato ad andare in vacca.

E ora, allo specchio!

Partiamo dalla preistoria: la crema idratante. Io credo alla crema idratante. Non a una in particolare, ma al beneficio di una idratazione adeguata. Perché in fondo, il 90% delle creme viso fanno questo. Poi, se la molecola di feci di tarantola estratta dal laboratorio dell'università di Cazzabubboli ha un effetto liftante sui canyon che solcano la nostra faccia, beh, questo è ancora un mistero.

Dopo avere opportunamente idratato la pelle, passiamo al fondotinta. Come dite? Niente base? Prima di tutto se sapete cos'è una base, non siete poi così ignoranti in materia, gnè gnè. In secondo luogo,  se avete mai usato una base lisciante, sapete che la sensazione principale che provate è quella che la vostra pelle sia più liscia (maddai?), scivolosa, come se i solchi fossero riempiti. Persino le mani sono più scivolose. Come quando ci si spalmava la colla Vinavil e poi si aspettava che asciugasse. Appunto, la base mi sa di chimica. E riempe i pori. E i pori non sono fatti per essere ostruiti. Io sono una fan della base per l'occasione, in cui chiediamo al make up di resistere per più di quelle due sole-misere-solite ore: il matrimonio, la serata con sudata inclusa, la prima notte da lui (in cui lui non ci ha ancora visto nella versione nature)... ma io non mi metto la plastica liquida in faccia tutti i giorni. Nonnoonnò.

E la BB Cream? Di questo ho già parlato profusamente qui, comunque, chiamatemi antiquata, per ora non mi fido dei prodotti "tutto in uno": io credo che o si fa bene una cosa, o se ne fanno benino 2, così così 3, e di mmmerda 5. Le promesse delle BB Cream sono che ne fanno almeno cento, quindi...Unica deroga: se avete una bella pelle (e credetemi, è molto meglio di quanto non vi vediate voi) forse una crema colorata è sufficiente.

Dicevo, il fondotinta. Il fondotinta deve: coprire (i dannati brufoli), uniformare (le guance di solito sono più rosse e le occhiaie più scure), correggere (la couperose, le vene in evidenza, i succhiotti, vedete voi) e creare uno strato tra la pelle e il mondo cattivo là fuori. Io lo prendo sempre con il filtro solare. Trovate la consistenza che sia adatta alla vostra pelle e lo strumento adatto per spalmarlo. Pennelli per la polvere, spugnetta/pennelli per quello liquido/cremoso. Sconsiglio le mani, perché trasmettono umidità. Attenzione che non tutte le famiglie di colori vanno bene per tutti le pelli: cercate di capire il colore dominante della vostra pelle. Sottotono giallo: colori giallo/arancione/marrone; sottotono rosa colori rosati/fuxia/bordeaux. Per i dettagli, vi rimando qui.Se non sapete che colore scegliere, nel dubbio io prendo un mezzo tono più chiaro (che nel mio caso significa bianco/verde) perché mi piace la pelle diafana, e perché la riga che separa il colore del viso e del collo è tremenderrima.Cospargetevi tuuutta la faccia, inclusi: i punti vicini ai lobi, la pelle sotto il mento, l'interno dell'occhio e l'attaccatura dei capelli.

Poi: il correttore. Il correttore non è obbligatorio: fatevi la domanda, vi serve davvero? Altra regola: less is more, meno strati sulla pelle, più ossigeno che arriva sotto. Ci sono diverse scuole di pensiero sul fatto se vada messo prima o dopo il fondotinta. Non esiste che venga messo da solo. Io sono per dopo: perché può essere che vi rendiate conto che basta il fondotinta, e perché credo che il fondotinta (specie se liquido) porti via quello che c'è sotto (non ho nessuna prova scientifica). Il correttore serve per: nascondere e illuminare. Nascondere le occhiaie da day-after, i vulcani che sono spuntati nella notte, i segni dell'acne...tiratelo bene, altrimenti vi resteranno dei circoli di correttore attorno al difetto evidenziandolo di più, come se aveste un riflettore puntato. Illuminare: la parte superiore degli zigomi, l'angolo interno dell'occhio e il mento. Strumento preferito: pennello, sia per la polvere, sia per il liquido. Come dicemmo io e Stazzitta, il pennello arriva dappertutto.

Dopo tutto questo, se avete qualche cratere da brufolo, da ricordi della varicella o da pori dilatati, io li riempio con lo stucco, ovvero il pore minimizer. Vi risparmio la traduzione di questa funzione. Il pore minimizer può funzionare anche da base, se avete la superficie della luna in faccia.

Next step: il fard, o se volete fare le fffighe, il blush. Il fard è stato per me uno sconosciuto fino a un paio di anni fa, quando il proliferare della chirurgia estetica ha improvvisamente acceso l'attenzione sulle guance. Tutte queste dive che sembra abbiano del chewing-gum mummificato tra le gote. Io dico solo: da usare con moderazione, per evitare l'effetto Pochaontas/vecchia squaw/telefilm tedesco anni '90. Pochi tocchi dal centro della guancia verso l'orbita dell'occhio e nulla più. Ammetto che serve un po' di pratica. Anche qui meglio meno che troppo, anche qui attenzione ai colori. Tendenzialmente credo che basti un colore solo nella vita. Il 90% dei fard è in polvere, ma recentemente ho scoperto quelli cremosi (che magari esistono da millenni): attenzione che non perdonano il minimo errore di stesura. E, in questa fase, un errore è fatale: bisogna ricominciare da capo!

Per completare la vostra base, manca solo la cipria. La cipria ha lo scopo di fissare e definire, non di nascondere ulteriomente. Fissare, tutto quello che c'è sotto (ombretti inclusi) e definire, dare un tocco finale che rifletta la luce nei punti giusti, distogliendo l'attenzione dai difetti. Quindi non spaventatevi davanti alle ciprie bianche o azzurre.

Se volete chiudere in bellezza, una pettinata di sopracciglia e una fissata con il gel.
Bene, la base è fatta, adesso potete truccarvi.

Guardatevi allo specchio. Sembrate non truccate? Perfetto, l'intento è esattamente quello. Deve sembrare che voi naturalmente siate così disinvoltamente belline di natura. Solo voi dovete sapere quanta fatica c'è dietro. E adesso andate a praticare, perché finché non impiegate al massimo 15 minuti per fare tutto questo, resterete alle elementari. Ci sono treni da prendere, cartellini da timbrare, neonati urlanti da accudire, calzini da uomo da trovare...potete scegliere se non truccarvi mai o farlo in un tempo utile. Io ho scelto la seconda.

19 commenti:

  1. ecco, quando hai scritto che il correttore non va mai messo da solo ho iniziato a piangere. Vuoi sentire la mia routine trucco? crema (finita tre settimane fa e non ancora ricomprata, sono unammerda), correttore sulle occhiaie e sui brufolini, blush sugli zigomi, ombretto, matita, mascara. STOP.
    Come devo fare? voglio in pore minimizer, lo voglio come una pazza adesso.
    Il fondotinta mi fa paura, non so se ce la faccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stazzita, hai 8 anni! Non morirai per non avere messo la crema per qualche giorno. Ora corri a comprarla.
      Se ti senti bene così non sei obbligata a mettere nulla sulla faccia. Libera e bella come dicevano le femministe negli anni '60. Solo che parlavano del reggiseno.

      Elimina
    2. amore ne ho 30...
      marca di crema?
      reggiseno sempre però!

      Elimina
    3. Scrivimi vah, che ti mando una consulenza personalizzata. oggimordo@vitadastronza.com
      Così ti scateni nel w-e.

      Elimina
    4. Ciao, riguardo il fondotinta, ostruzione dei pori, siliconi e plastica sciolta, ti pongo una domanda:
      Di quale marca comprare il fondotinta, così che idrati senza soffocare?

      Sono una 27enne con una pelle discreta, senza brufoli, anche quelli liquidi con texture leggera vanno benissimo.

      Già ti ringrazio :)

      Elimina
    5. cazzarola, stasera ti scrivo! tu sì na cosa grande pemmè. <3

      Elimina
  2. Sicuro non l'hai letto ma io il tuo prodotto Maddai l'ho recensito :-DD

    Love you!

    RispondiElimina
  3. Vaglielo a dire a GOGO che lei non si mette la crema idratante da 3 settimane e le si sta CREPANDO la faccia!

    RispondiElimina
  4. Io ho quasi quarant'anni, non dovrei stare qui, ma grazie per avermi fatto scoprire il gel fissante per sopracciglia. Adesso mi spiego molte cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non dovresti stare qui? A quarant'anni cosa succede? Diccelo ti prego che ci prepariamo!
      ;-)

      Elimina
  5. @Federicq: amica, quando ho letto la tua domanda mi è sembrato di essere tornata a un'interrogazione di fisica alle superiori...senza avere studiato. Ho pensato un po' alla risposta più giusta, perché a memoria posso citare circa 50 marche che fanno fondotinta (e più di una linea ciascuno), di cui ne avrò provate sì e no due. E io consiglio/sconsiglio solo quello che ho provato. In più non sono un'esperta, anche se ti vedessi di persona non saprei aiutarti. Quindi il consiglio migliore che posso darti è: per il primo fondotina entra nella profumeria più fornita che hai vicino, blinda una commessa anziana (d'età) o chiedi di una specialista del make-up. Dille subito il tuo budget e non farti convincere diversamente. Pretendi di vedere TUTTO e provati i toni sul polso. Se ti serve, esci all'aria aperta per vedere con le luci migliori. Dal secondo in poi avrai le idee già più chiare.

    RispondiElimina
  6. Grazie mille, ho fatto esattamente come hai detto, scegliendo Clinique.

    RispondiElimina
  7. mi è successa una cosa bruttissima.
    allora, avevo comprato tutta esaltata il gel per le sopracciglia ed ero veramente felice.
    Ma ieri, dopo 8 ore di lavoro, ho scoperto che le mie povere e antipatiche sopracciglia erano ricoperte da uno strato di pellicola bianco che, ovviamente, veniva via a pezzi!
    succede solo a me o è semplicemente perchè 8 ore sono troppe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuooo! A me non succede, ho provato ad andare a una lezione di ginnastica dopo averlo tenuto un giorno intero. Al massimo perde l'effetto tenuta, ma mai ho avuto l'effetto pellicola che fa trucco-per-invecchiare-sul-set. Mi viene da pensare che o è il gel oppure la cipria che passi prima/dopo, se la usi. Se è il primo caso, vai dove l'hai comprato e lamentati, i produttori lo devono sapere (e ti devono rimborsare/cambiare il prodotto).

      Elimina
  8. ahahaha magari oggi vado ad avvertirli allora..
    ma non so se ne avrò il coraggio..

    RispondiElimina
  9. io alla tenera età di 29 quasi 30 anni ho scoperto la cipria e da allora guido la battaglia contro la fronte lucida. Ah che soddisfazione!

    RispondiElimina
  10. Ahahahahaha non lo so cosa succede, continuo ad accampare la scusa che sì è vero, sono nata a dicembre '73 ma in realtà la data prevista era marzo '74 quindi tecnicamente non ho ancora 38 anni. Funziona sempre. :D

    RispondiElimina
  11. super concordo con i max 15 minuti x il trucco, io faccio una cosa minimal in questo ordine
    crema
    + fondotinta
    + sometimes correttore verde
    + matita occhi da gatta
    + blush
    + mascara
    + lip balm neutro con una punta di colore più intenso al centro delle labbra, se proprio

    l'effetto è viso bellino ma molto naturale, poi ci si può lavorare ancora! e cmq per me trucco minerale tutta la vita, una tenuta pazzesca anche senza finire con la cipria, non c'è confronto

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...